Massa Lombarda (Ra). La città rivuole il suo Buco Incavato! Mercoledì 22 agosto 2012 un'altra divertente serata di musica e gusto animerà piazza Matteotti. L'amministrazione comunale continua così il progetto che riscopre e valorizza il pesco Buco Incavato, varietà autoctona divenuta nella prima metà del Novecento simbolo della frutticoltura in città.
A partire dalle 20 sarà possibile assaggiare la pesca Buco Incavato, detta anche “Pesca di Massa Lombarda”, insieme all'agronomo Angelo Minguzzi e agli esperti del Crpv (Centro Ricerche Produzioni Vegetali di Cesena). I frutti in questione saranno approvigionati da una decina di agricoltori che hanno aderito al progetto (provenienti da Massa Lombarda, dal territorio della Bassa Romagna e anche da Faenza) e dalle piante coltivate nelle serre del Crpv.
Dalle 21 poi la serata sarà accompagnata dall'orchestra Daniela Vallicelli, con un repertorio di musica romagnola e italiana anni Cinquanta.
L'obiettivo del progetto è quello di tutelare, valorizzare e rilanciare un mercato, almeno locale, di questa varietà di pesca. L'associazione Slow Food si è interessata a valutare la possibilità di costruire un “presidio Slow Food” sul Buco Incavato, e in più alcuni coltivatori diretti a titolo volontario hanno dato la loro disponibilità per l'adesione all'idea. (Elvis Angioli)