Faenza. Ottimo successo di pubblico per Argillà Italia 2012, a fare il pieno di visitatori sono state anche le esposizioni temporanee allestite in città. Circa cinquemila persone hanno visitato “Collect” la collettiva di ceramica contemporanea faentina alla Galleria d'Arte Comunale, presso il Voltone Molinella, aperta fino all’11 settembre, oltre un migliaio le presenze a “Made in Vallauris”.

“Un ottimo risultato, considerando che queste mostre non proponevano una vendita diretta – dichiara la curatrice Viola Emaldi – Le maestranze faentine si sono presentate con opere decorative di valore, trovando nella Galleria Civica un’adeguata sede espositiva, oltre che i loro stand per la vendita nella mostra mercato. Ritengo che per le prossime edizioni sarebbe interessante fare una distinzione anche nella mostra mercato, riservando un proprio settore sia alla ceramica decorativa di alto livello sia alla ceramica di tradizione”.

Il successo culturale di Argillà Italia 2012 viene confermato da Elvira Keller, coordinatrice della mostra “Francia!” allestita nel Foyer del Teatro Masini con opere dell’affermata ceramista Christine Fabre e di altri otto giovani francesi emergenti: “La mostra è stata visitata da tanta gente, malgrado restasse un po’ nascosta dal palco allestito in Piazza Nenni. Molte persone si sono poi mostrate interessate a parlare con gli artisti espositori. Siamo rimasti poi piacevolmente stupiti della buona affluenza di pubblico registrata domenica pomeriggio al Museo Internazionale delle Ceramiche, in occasione della conferenza di Christine Fabre: la sala convegni del Mic era praticamente piena”. Claudia Casali, direttrice del Museo Internazionale delle Ceramiche, aggiunge: “Argillà è stato un evento molto importante per la città di Faenza e per il Mic. Inaugurando giovedì 30 agosto la mostra dedicata all’arte finlandese, abbiamo avuto oltre tremila presenze al Museo. Molto apprezzate e partecipate sono state le conferenze del sabato e della domenica, nonché il Laboratorio Giocare con l’Arte allestito in Piazza del Popolo, con una presenza di circa 250 bambini. Per la prossima edizione dovremo pensare ad un’apertura anche serale, per dare la possibilità agli espositori di visitare il nostro Museo”.