Imola. “Restituiremo alle famiglie bisognose un po’ di euro da mettere in tasca e metteremo a disposizione dei ragazzi il materiale didattico e di cancelleria necessario a scuola, così da impedire la prima forma di discriminazione”. Commenta così Marco Raccagna, assessore alla Scuola del Comune di Imola, la decisione di confermare anche per l'anno scolastico appena cominciato i contributi all'acquisto dei libri di testo per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado aventi diritto. Tra gennaio e febbraio 2013 infatti il Comune erogherà 50.000 euro, a cui si andranno ad aggiungere i 36.000 mila euro del bando regionale, per far fronte alle circa 500 domande presentate da altrettante famiglie i cui Isee sono inferiori alla quota prevista di 10.632,94 euro.

“E’ la conferma di una scelta importante che già da alcuni anni abbiamo fatto e che va incontro ai bisogni delle famiglie e dei giovani che più si trovano in difficoltà. Difficoltà e crisi che tuttora permangono – continua l'assessore Raccagna – In questo modo rispettiamo concretamente quello che ci eravamo impegnati a fare, adottando l’ennesima misura che cerca di alleviare le difficoltà delle famiglie e degli studenti”.