Il Wwf Imola ed il Wwf Emilia-Romagna stigmatizzano il grave e triste episodio avvenuto ad Imola nel quale è morta una giovane giraffa. “Questo del resto è l’ultimo ed ennesimo episodio che vede coinvolti i circhi che utilizzano, per i propri interessi economici, animali selvatici ed esotici (ma anche domestici), animali che, checché ne dicano i proprietari circensi, vivono in condizioni pessime, innaturali, reclusi in spazi angusti e sottoposti a continui spostamenti, costretti loro malgrado a compiere esercizi, per il divertimento del pubblico, per i quali vengono sottoposti, per imparare, ad ogni sorta di costrizioni e privazioni fino ad arrivare a vere e proprie sevizie e torture”.
Inoltre non va dimenticato che “spesso e volentieri, i circhi con animali, costituiscono una delle cause che alimentano il traffico internazionale illegale di animali esotici e in via di estinzione (il quale muove un giro d'affari di centinaia di milioni di dollari), con conseguenti e nefaste implicazioni di corruzione e criminalità, a danno ovviamente dell'ambiente naturale e delle popolazioni locali”.
Rabbia ed amarezza anche per le “dichiarazioni accorate dei proprietari del circo Orfei circa il grande affetto verso la giraffa. Se uno vuole bene veramente ad un animale lo ama e lo rispetta in quanto tale, non lo tratta come un oggetto da sfruttare e buttare quando non serve più. Di certo non lo obbliga a sottoporsi ogni sera a penosi ed umilianti spettacoli al solo scopo di far quattrini. La gente si diverte ma gli animali hanno ben poco da divertirsi”.
Si ritorna alla proposta di circhi senza animali: “Gli esempi non mancano di certo e funzionano benissimo (Cirque du Soleil ne è un esempio lampante), l'utilizzo di animali a scopo di divertimento rappresenta una concezione vecchia, inutile e non più accettabile moralmente ed eticamente in un paese e in una società che si definisce moderna e civile. Il Wwf chiede dunque ancora una volta e con forza una legge che vieti tale attività su tutto il territorio nazionale e al Sindaco di Imola di dar seguito alle proprie dichiarazioni e quindi di vietare per sempre la sosta sul territorio comunale di circhi con animali selvatici”.