Imola. Quasi 1000 firme sono state raccolte tra i genitori di bambini e bambine che frequentano le scuole primarie di Imola affinchè si possa svolgere anche quest'anno il progetto di educazione stradale “Sicuri sulla strada”. La mobilitazione è cominciata nell'aprile del 2012 a causa del ridimensionamento del progetto avvenuto già durante lo scorso anno scolastico e dell'annullamento del saggio finale.

Le firme sono state consegnate in copia al sindaco, agli assessori competenti e al comandante della polizia municipale. Contestualmente è stato chiesto un secondo incontro con l'Amministrazione, dopo quello svoltosi ad aprile in cui gli assessori alla Scuola Marco Raccagna e alla Polizia municipale Luciano Mazzini si erano impegnati a ripristinare il progetto nei modi in cui questo si era svolto negli anni precedenti.

Nel frattempo sono già arrivate molte adesioni delle scuola elementari imolesi al progetto “Sicuri sulla Strada”, ma il rischio è che se non vi sarà un accordo sull’operatività tra Amministrazione comunale e Polizia municipale ciò che sta scritto sulla carta resti tale e che le attività subiscano tagli come nell’anno scolastico appena trascorso.

In questi giorni a Imola si è svolta l’iniziativa “Sicurstrada Live”, proposta da Fondazione Unipolis e Unipol. “Un’occasione – si legge nella presentazione – per fare il punto sulle iniziative in questo campo, alla luce dell’impegno portato avanti nel tempo dall’Amministrazione comunale e dalla Polizia municipale insieme alle scuole, alle famiglie e alle associazioni di volontariato”.