Imola. Acqua, aria, terra e fuoco, i quattro elementi fondamentali della filosofia greca, saranno al centro della quinta edizione della rassegna “Le case della scienza” che si terrà dal 4 al 7 ottobre.

Nell’occasione la sala Miceti si trasformerà in un “Science center” multifunzionale con una zona destinata a incontri e seminari, una a laboratori, una a planetario e mostre di prototipi e attrezzature tecnologiche per le classi degli istituti superiori che saranno coinvolte durante i quattro giorni.


Interessante il seminario che si svolgerà il 5 ottobre all’istituto agrario Scarabelli dal titolo “Gli elementi della natura in gioco nell’agricoltura biologica e biodinamica” che sarà condotto da Raoul Bergamini. Nella stessa giornata, nell’aula magna del liceo scientifico delle scienze applicate “Alberghetti” è in programma un tema attualissimo e di grande interesse: “La terra e i terremoti: è possibile prevederli?” con Claudia Piromallo, ricercatrice dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Ingv.. Nella serata, alle 20.45 alla sala Miceti si parlerà in particolare delle Grotte bolognesi nel corso della presentazione del libro omonimo edito dal Gruppo speleologico bolognese.

Sabato 6 ottobre alle 10 a palazzo Sersanti l’istituto “Paolini” propone l’incontro “Energia eolica” con Luca Monti, geologo dell’azienda Ambiente Italia e Marco Giusti del gruppo Agsm Verona. Alle 18, nell’aula magna dell’istituto “Giini” seminario dal titolo “Precursori sismici fra passato e futuro con Valentino Straser, mentre alle 20.30 alla sala Miceti si svolgerà uno spettacolo scientifico con esperimenti in diretta condotti dai ricercatori del dipartimento Ciamician dell’università di Bologna.

Domenica 7 ottobre, infine, alle 18 al “Ghini” si parlerà de “I fiumi del nostro territorio, il loro stato di salute e monitoraggio” con Veronica Menna biologa dell’Arpa di Bologna e alle 21 all’osservatorio astronomico si svolgerà una serata di osservazioni del cielo d’autunno a cura dell’Associazione astrofili imolesi.

Nelle pieghe del programma, numerose visite guidate. Venerdì 5 alle 15 si comincia con il frantoio imolese Rossi e l’impianto di riscaldamento a biomassa con caldaia funzionante a noccioline di oliva a cura di Idrotermica Imolese. Sabato 6 alle 10 si potranno osservare da vicino gli stabilimenti produttivi della Coop Ceramica e gli impianti di produzione e cogenerazione delle piastrelle mentre alle 15 sarà possibile visitare il parco dell’istituto Scarabelli. Domenica 7 si avrà la possibilità di conoscere la grotta della Tanaccia nel parco regionale Vena del Gesso Romagnola. L’intenso programma sarà “condito” da numerose iniziative per bambini, studenti e adulti.