Dal 6 ottobre al 18 novembre torna protagonista ad Alba la prestigiosa kermesse dedicata al “Tuber magnatum Pico”. Tema centrale di questa edizione sarà il legame fra il tartufo bianco d’Alba e il mondo del cinema. Da Rita Hayworth a Marilyn Monroe, da Alfred Hitchcock a Sophia Loren: le più celebri stelle della storia del cinema sono state contagiate dalla passione per questo inimitabile fungo. Tra le novità di quest’anno la mostra intitolata “Cinema & Tartufo” che racconterà, per la prima volta, le più significative apparizioni del tartufo sul grande schermo.

I divi del cinema e il tartufo bianco d’Alba. Una lunga storia d’amore iniziata nel lontano 1949, quando, su invito di un facoltoso avvocato torinese infatuato di Rita Hayworth, il ristoratore albese Giacomo Morra – ideatore della Fiera del tartufo bianco d’Alba – fece recapitare all’attrice statunitense un magnifico tartufo di 2 kg. Non rimase un caso isolato: di li in poi, ogni anno, l’esemplare più pregiato della stagione venne inviato ad un grande personaggio del jet-set internazionale. Qualche anno dopo fu la volta della divina Marilyn Monroe che, dopo averne respirato il profumo, rispose entusiasta a Morra con una lettera di ringraziamento. La fama del tartufo bianco d’Alba spinse, ad esempio, il regista inglese Alfred Hitchcock, amante della cucina (ed in particolare di quella italiana), a recarsi nel 1959, poi di nuovo nel 1960, nella “capitale delle Langhe”, dove prese appunti per abbozzare la sceneggiatura di un thriller, “Il mistero della tartufaia”, che inizia con l’assassinio di un vecchio cercatore di tartufi. Ma l’elenco delle star amanti del tartufo è davvero infinito: da Ugo Tognazzi a Gerard Depardieu, da Alain Delon a Bruce Willis, da Nicole Kidman a Sophia Loren e molti altri ancora. Proprio il legame tra mondo del cinema e “Tuber magnatum Pico” sarà il tema portante della 82ª edizione della Fiera Internazionale del tartufo bianco d’Alba che ha aperto i battenti nella cittadina piemontese lo scorso 6 ottobre per terminare domenica 18 novembre.

Sette settimane ricche di eventi enogastronomici, folkloristici e culturali che accenderanno i riflettori sulla città di Alba e più in generale sul territorio di Langhe e Roero. Su tutti l’Asta Mondiale del tartufo: l’11 novembre Il Castello di Grinzane Cavour si collegherà via satellite con San Paolo la città più multiculturale del Brasile e a Roma nella splendida cornice di Piazza Navona dove una platea di “generosi gourmet” si contenderà preziosi esemplari del tartufo bianco di Alba.

Novità assoluta di questa edizione sarà la mostra intitolata “Cinema e Tartufo”, allestita per tutta la durata della Fiera presso il Palazzo delle Mostre di Alba. Il prezioso fungo ipogeo sarà raccontato, per la prima volta, attraverso le sue più significative apparizioni cinematografiche, seguendo 4 principali filoni sociologi: ingrediente in cucina, status symbol, alimento afrodisiaco o protagonista del noir. Sono infatti numerosi i film dove questa eccellenza gastronomica appare: da “Oggi, domani e dopo domani” a “Pranzo di Natale”, da “Sapori e Dissapori” a “Sette chili in sette giorni”, solo per citarne alcuni. Un appassionante excursus culturale che verrà ricostruito anche grazie all’inedita collezione di locandine pubblicitarie, foto di scene di film in cui appare il tartufo, ricostruzioni di set cinematografici fino a vere e proprie opere d’arte ispirate al rapporto tra cinema e tartufo.

Non solo cinema. Anche quest’anno la fiera si distinguerà per il suo alto profilo gourmet. Presso il Palazzo delle Mostre di Alba, prenderanno vita gli appuntamenti con i “foodies moments”: laboratori di analisi sensoriale e di cucina dedicati ai tanti appassionati di cibo che giungeranno nel borgo piemontese. Un vero e proprio tributo alle migliori eccellenze delle Langhe che vedrà protagonisti il tartufo bianco d’Alba, i celebri vini di Langhe e Roero, i tradizionali formaggi locali e la carne. Inoltre, durante la kermesse, gli chef di alcuni locali si esibiranno nei loro menu ad alcune ricette a tema, ispirate alle star del mondo del cinema. Infine nei week end di novembre nella Piazza storica del Duomo ci sarà il Salotto dei Gusti e dei Profumi che vedrà protagonisti la Nocciola piemontese IGP, gli artigiani del cioccolato, il riso, il Moscato d’Asti, il Barolo Chinato e lo spumante Alta Langa.

Presso il Mercato mondiale del tartufo bianco di Alba, aperto ogni sabato e domenica dal 6 ottobre al 18 novembre (ore 9-20), tutti gli appassionati del “Tuber magnatum Pico” avranno la possibilità di vedere, toccare, annusare tanti e tanti tartufi. Ogni tartufo bianco viene controllato – prima dell’apertura al pubblico – da una Commissione Qualità che resta a disposizione dei clienti per tutta la durata della Fiera, con la funzione di “Sportello del Consumatore”.

In occasione dell’82ª Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, quest’anno dedicata al legame tra cinema e tartufo, il più bel tartufo bianco della stagione 2012 verrà consegnato all’attrice italiana Claudia Cardinale che succede a Penelope Cruz, vincitrice dell’edizione 2011. La premiazione sarà venerdì 26 ottobre alle ore 21.00, presso il Teatro Sociale di Alba. Prima della consegna, si svolgerà una conversazione con Claudia Cardinale e con Ottavia Monicelli, figlia di Mario Monicelli, il regista che fece esordire in Italia la Cardinale. Infine verrà poi proiettato Nanà, cortometraggio del regista Giuseppe Varlotta che narra la storia di una cagnetta da tartufo, nella quale Mario Monicelli recitò un “cammeo” lasciando per la prima volta la macchina da presa per vestire i panni dell’attore. Si tratterà quindi di un duplice omaggio, alla straordinaria carriera di Claudia Cardinale e al grande regista Mario Monicelli.

Il programma completo su: www.fieradeltartufo.org
Info sulla mostra: “Cinema&Tartufi”
Palazzo delle Mostre di Alba, Piazza Medford, 3, Alba
Dal 6 ottobre al 18 novembre – ingresso libero, tel. 0173 361051
Sabato e domenica: 10/19 – lunedì: 10/17.30 – da martedì a venerdì 14.30/17.30