Imola. Una grinta soprendente, quella dimostrata dalle azzurre della Agriflor durante la prima partita casalinga della serie C. Un inizio sofferto, con il primo set chiuso 25 a 22 per la Calanca Cesare di San Giovanni in Persiceto, favorite del girone. Poi una rimonta ben sudata, conclusa poi con il vantaggio di 3 set a 1 per le atlete imolesi.
«Eravamo in condizioni di particolare difficoltà – ha sottolineato il coach, Alessandro De Filippi – Alla carenza di organico già conosciuta, si è aggiunto l’infortunio di Sara Vaccari, già sotto cura, ma che sarà assente per qualche periodo. Al suo posto è stata dirottata Simona Lenini con l’inserimento di Mila Devetag nel ruolo di opposto. Entrambe le ragazze hanno egregiamente svolto il loro compito, ma tutta la squadra, tutto il gruppo, come deve sempre essere, ha lottato insieme per ottenere questa vittoria».
Continua il coach: «Una vittoria di un gruppo compatto, che ha saputo respingere il Calanca conquistando questa vittoria che è una conferma dell’equilibrio che si vivrà in questo girone, in cui dovremmo affrontare le gare senza pensare a quella precedente o a quella successiva. Dovremo giocarci ogni partita vivendo il presente, acquisendo consapevolezza delle nostre possibilità, senza esaltarsi più di tanto ma nemmeno abbattersi oltremodo, con un concetto ben chiaro in mente: la strada da percorrere è ancora lunga e che va percorsa a gruppo compatto».