Alma, la Scuola internazionale di Cucina italiana, il cui rettore è Gualtiero Marchesi, ha inaugurato nella sua bellissima sede della Reggia di Colorno ( Parma) il nuovo anno accademico. Un’offerta didattica rinnovata, con l’ampliamento del corso superiore di Cucina e l’avvio del corso “Tecniche di base di pasticceria”, il lancio del nuovo portale www.almalink.it, nuovi spazi didattici: sono le principali novità della stagione formativa 2012/13 della Scuola. Da record i numeri, con gli iscritti ai soli corsi superiori che sfiorano le 1.000 unità.
Con l’apertura di questo anno accademico si avvicina il decimo anno di vita, anni in cui la Scuola è cresciuta fino a diventare il più autorevole centro di formazione della Cucina italiana a livello internazionale. Dal 2004 ad oggi la Scuola è cresciuta sia nel numero di programmi, sia nel numero di studenti. Ai corsi di cucina si sono aggiunti quelli di pasticceria, di sommellerie e di management della ristorazione con un numero di studenti che sfiora le 1.000 unità all’anno. A questi se ne aggiungono altrettanti che frequentano corsi più brevi, superando così nel totale le 2.000 unità.
Sotto il profilo dell’internazionalizzazione, poi, Alma ha creato un network con 15 grandi centri di formazione nel mondo, dagli Usa all’Australia, dal Brasile al Giappone, dal Canada alla Malesia, passando per Turchia e Sudafrica. Con queste scuole partner, Alma organizza corsi di cucina italiana nei cinque continenti.
All’inaugurazione del nuovo anno ha partecipato anche Vincenzo Bernazzoli, presidente della Provincia di Parma, che considera “la Scuola un tassello importante per l’affermazione di Parma e della Food Valley come centro di eccellenza per l’agroalimentare” e Andrea Zanlari, presidente della Camera di Commercio di Parma, che vede in Alma “la miglior ambasciatrice nel mondo della qualità e dei saperi del nostro territorio”.
Erano presenti anche Giuseppe Romanini, assessore alle Politiche scolastiche della Provincia di Parma, Gabriele Ferrari, dell’Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna, il prefetto Luigi Viana, il prof. Gino Ferretti, rettore dell’Università di Parma, e Michela Canova, sindaco di Colorno, che con Vincenzo Bernazzoli e Andrea Zanlari, hanno successivamente inaugurato le nuove aule.

Alma
La Scuola internazionale di Cucina italiana ha iniziato la sua attività nel gennaio 2004 e si è particolarmente focalizzata sulla specializzazione professionale dei giovani cuochi e pasticceri. Ha sede nella Reggia di Colorno, dove dispone di 4.000 mq appositamente attrezzati dalla Provincia di Parma: aula magna disposta a teatro con cucina didattica, aule didattiche per lezioni dimostrative, aule training per le esercitazioni, centro pasticceria, aula sommellerie, cantina didattica, cucina centrale e ristorante per 170 posti. Tutte le aule sono fornite di sistemi audiovisivi. La Biblioteca è dotata di 10.000 volumi, oltre a riviste ed emeroteca.
Il Comitato scientifico di Alma, presieduto dal rettore della Scuola, il Maestro Gualtiero Marchesi, è responsabile degli indirizzi della didattica e comprende tra i suoi membri i più autorevoli studiosi della gastronomia italiana, cuochi e pasticcieri tra i più qualificati, esperti accademici dei prodotti e dei territori italiani.
L’italianità e lo stile italiano in cucina sono l’indirizzo di fondo che viene interpretato nell’insegnamento dal direttore didattico Luciano Tona, dallo staff docente interno e da una rosa di cento cuochi e pasticceri delle diverse Regioni italiane.
Tutti i corsi superiori comprendono una fase residenziale a Colorno e una fase di tirocinio formativo (stage) nei ristoranti, nelle pasticcerie e nelle strutture selezionate da Alma su tutto il territorio italiano.
Uno delle novità di questa nuova stagione è ilportale www.almalink.it, uno strumento di networking esclusivo, per favorire l’incontro di domanda e offerta di lavoro nel mondo della ristorazione. La mission di Alma non è soltanto quella di formare i giovani professionisti della Cucina, della Pasticceria, della Sommellerie e della Ristorazione, ma anche di aiutarli a trovare un’adeguata collocazione nel mondo del lavoro. È proprio in questa logica che nasce il progetto Almalink, che vede la Scuola affiancata dalla Camera di Commercio di Parma.
“La nostra realtà – ha dichiarato Andrea Zanlari – è da sempre impegnata a sostenere la competitività e l’occupazione. Abbiamo studiato un progetto ad hoc nell’ambito della ristorazione: fondamentale è stato il ruolo consulenziale svolto da Alma, in virtù del know-how specifico della Scuola”.
Informazioni: Alma, tel. 0521/525211 – www.alma.scuolacucina.it – www.almalink.it
   
La Reggia di Colorno
E' una complessa e monumentale struttura architettonica, con oltre 400 sale, corti e cortili, abbracciata dal torrente Parma, dalla piazza e dal meraviglioso giardino alla francese di recente ripristinato. Un tempo abitata dai Sanseverino, dai Farnese, dai Borbone e da Maria Luigia d'Austria, oggi ospita mostre temporanee e manifestazioni culturali. Affascinanti sono gli appartamenti del Duca e della Duchessa e la Sala Grande, la neoclassica Cappella di San Liborio, con le tele di celebri artisti e l'organo Serassi, utilizzato nell'annuale Stagione Concertistica; l'appartamento nuovo del Duca Ferdinando e l'Osservatorio astronomico.


(Silvana Benedetti)