Imola. Il primo pensiero va ai due giovani, di cui un 25enne ricoverato in gravi condizioni al Maggiore, vittime di un incidente sul lavoro dovuto allo scoppio di un tubo ad alta pressione mentre stavano operando all’interno della Sacmi. Un momento di riflessione fondamentale da parte del presidente dell’associazione tavolo 81 e di Legacoop Sergio Prati alla presentazione delle settimane della sicurezza che prevedono tre incontri in ricordo di Albo Silvestrini.

Il primo si svolgerà venerdì 16 novembre alle ore 14.30 alla Sacmi con particolare riferimento all’addestramento, quindi alla pratica concreta su impianti e macchinari, il secondo mercoledì 21 sempre alla stessa ora alla 3Elle dove l’attenzione si concentrerà in particolare su procedure semplificate per le aziende fino a dieci lavoratori e il terzo venerdì 30 novembre alla Cesi per prendere in considerazione la gestione dell’emergenza anche in caso di terremoto sulla base di quanto accaduto recentemente nel Modenese e precedentemente in Abruzzo.


Dal canto suo, Paolo Galli direttore del dipartimento di Prevenzione e Sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Ausl, ha confermato un calo generale degli infortuni sul lavoro nel 2011 dovuto però anche a una diminuzione delle persone occupate a causa della crisi economica. “E’ necessario mantenere alta l’asticella della sicurezza nelle imprese anche se il nostro obiettivo massimo è quello di prevedere il prevedibile – ha sottolineato Galli in riferimento a quanto avvenuto alla Sacmi -. L’informazione e la prevenzione sono fondamentali soprattutto in edilizia e agricoltura senza dimenticare gli incidenti stradali che stanno avendo sempre più un’alta incidenza sul totale degli infortuni. Stiamo lavorando pure sulla prevenzione dei tumori professionali, in particolare, quelli naso – sinusali”.

(m.m.)