Imola. Sono cominciati gli appuntamenti di “Incontro con l'autore” alla libreria Coop del Centro Leonardo. Il primo ospite della rassegna è stato, venerdì 26 ottobre, Cristiano Cavina che ha presentato al pubblico il suo ultimo libro “Romagna mia!”. Dopo cinque romanzi, tutti pubblicati da Marcos y Marcos, Cavina si è cimentato nella scrittura di un saggio che ha per argomento la Romagna, o meglio, i romagnoli.

“Quando da Laterza mi hanno chiesto di scrivere un libro sulla Romagna tracciandone un'itinerario, ho pensato alla trafila garibaldina – spiega Cavina – Poi ho saputo che Maurizio Maggiani aveva appena scritto sullo stesso argomento ed ho voluto cambiare”. E' nato così il libro, un saggio ironico e atipico, come non poteva non essere, composto da tanti capitoli, tanti interventi scritti per raccontare una storia o un personaggio della Romagna personale dell'autore.


Cavina non rinuncia al suo punto di osservazione privilegiato sul mondo, il bar di sopra di Casola Valsenio, pieno di storie, amici e ricordi, e a pochi metri dalla biblioteca comunale. C'è un po' di tutto nella sua Romagna: le discoteche, il calcio, ma anche tante storie curiose e dimenticate, come ad esempio quella del secondo attentatore di Napoleone III, o quella dell'inventore dell'autobomba, un romagnolo prestato a New York di nome Mario Buda.

La rassegna “Incontri con l'autore”, organizzata da Librerie.coop in collaborazione con l'associazione culturale Viaemiliaventicinque, continua sabato 10 novembre 2012 alle ore 17.30 per parlare con Francesco Targhetta del suo libro “Perciò veniamo bene nelle fotografie” (Isbn edizioni). Venerdì 16 novembre alle ore 18.30 sarà la volta di Ugo Cornia che presenterà “Il professionale” (Feltrinelli), mentre la settimana successiva, sabato 1 dicembre alle ore 17.30, Antonio Castronuovo introdurrà il libro di Eugenio Baroncelli dal titolo “Falene 237 vite quasi perfette” (Sellerio editore). Nel 2013 gli appuntamenti riprenderanno a partire da febbraio. (Leonardo Bettocchi)