Spett. redazione,
nel momento in cui si concretizza l’ipotesi di un impegno ancora maggiore di Con.Ami nell’autodromo, il Partito Democratico sente il bisogno di sottolineare quanto segue. Il rafforzamento del pubblico attraverso la prospettiva di una nuova convenzione tra Comune e Con.Ami porta con sé tre obiettivi che ci stanno particolarmente a cuore: rendere sostenibili i bilanci, rendere sostenibile il rapporto tra l’autodromo e la città riducendo le giornate rumorose e aprire la strada a nuovi eventi e nuove iniziative.

Rendere sostenibili i bilanci – e non i conti, perché il margine operativo lordo è già positivo – significa superare le passività che si trascinano da alcuni anni dall’avviamento della convenzione in essere e che sono la causa dei segni meno di oggi. Per il Partito Democratico non è in discussione la presenza  e la vita dell’autodromo, una struttura che ha segnato la storia di Imola e l’ha caratterizzata ben oltre i suoi confini. Questo fatto vale di per sé oltre ogni indotto per l’economia territoriale, che pure è importantissima. Ma proprio per questo ci sta a cuore l’altra esigenza irrinunciabile: la compatibilità dell’impianto con la città e i residenti.

Dietro all’impegno di Con.Ami vi è anche l’obiettivo di limitare il numero delle giornate rumorose a partire dal 2013. In questa direzione, già nel 2012 sono stati avviati investimenti per le barriere antirumore e altri sono programmati per il futuro. Il terzo obiettivo è quello di portare a Imola nuove iniziative e nuovi eventi. Durante l’estate abbiamo ascoltato e letto con attenzione suggerimenti preziosi e proposte per valorizzare l’autodromo, dalla guida sicura alla mobilità sostenibile, oltre a tutte le attività non motoristiche che possono far tappa a Imola. L’accordo con Dekra appena siglato è un esempio concreto che va in questa direzione e noi pensiamo che anche lo spazio espositivo che si sta realizzando potrà fungere da calamita per nuove opportunità.

Fin dall’inizio dell’estate la Maggioranza e la Giunta si sono confrontate e si confrontano su questo tema fondamentale per il presente e il futuro di Imola. Come ha ben sottolineato il capogruppo Cavina, intervenendo in commissione, tra una politica che decide e una che temporeggia Daniele Manca, la Giunta e il Partito Democratico hanno scelto la strada delle decisioni, anche davanti a passaggi non semplici. Questa vicenda lo sta dimostrando e lo dimostrerà.

(Fabrizio Castellari, segretario Pd territoriale)