Spett. redazione,
come di consueto il linguaggio della politica prevede molte belle parole ma purtroppo pochi dati precisi. Ad esempio suggerirei al segretario del Pd imolese, Fabrizio Castellari, di operare per precisare alcuni dubbi:
– rendere sostenibili i bilanci (di Formula Imola?) significa che Con. Ami si farà carico di tutti i debiti, degli ammortamenti e di tutti i residui economici che la gestione dell'autodromo porta con sé da anni? Una dichiarazione ufficiale dell'ammontare delle perdite si può avere? E una tracciabilità dei versamenti da parte del socio al 43% nel rifondere le stesse si può avere?
– ridurre le giornate rumorose significa finalmente rispettare la legge e rientrare nei limiti dei 30 (trenta) giorni previsti più altri sette appositi per le gare di formula 1 o alzare tale limite a 60 come il Sindaco Manca ha più volte annunciato? Significa che i fonometri non vengano posti in opera da Formula Imola: il controllato diventa controllore?
– nuovi eventi e nuove iniziative ben vengano come, per esempio, quella proposta da Imola Games e non realizzata nella zona autodromo per l'esosità delle richieste dell'amministratore che, realizzata a Lucca, ha portato in quella città migliaia di persone, che farebbe veramente gola agli albergatori imolesi!
– l'erigendo museo dell'auto: al momento la sola certezza sono i 650.000 euro stanziati dal Comune di Imola (il 7% dei trasferimenti dallo Stato alla nostra città! In questi momenti forse qualche altra destinazione era auspicabile?). Non ci risulta che l'analogo museo in quel di Modena stia godendo di particolare afflusso di pubblico ed è solo a una settantina di chilometri da qui. Per concludere io non sono in grado di decidere nulla e non mi piace temporeggiare, però desidererei capire, una volta per tutte, con un po' di chiarezza.

(Mauro Magnani)