Il 17 dicembre prossimo scade la seconda rata Imu. Il Comune di Imola non ha effettuato alcuna variazione nelle aliquote già fissate in occasione del bilancio nei mesi scorsi. “Le preoccupazioni dei cittadini sono derivate dalla notizia sulla possibilità di modificare le aliquote entro il 31 ottobre ultimo scorso – afferma l’assessore al Bilancio del Comune di Imola Donatella Mungo -. Si tratta di una facoltà straordinaria e determinata con provvedimento normativo ad hoc: normalmente, infatti, le aliquote dei tributi, così come le tariffe dei servizi, sono fissate in occasione dell'approvazione del bilancio e non possono essere più modificate. La complessa normativa dell’Imu e la compresenza di quote significative del tributo dovute allo Stato ha invece determinato da parte del Governo la facoltà, sia per i Comuni, sia per il Governo stesso, di modificare le aliquote in corsa”.
In sede di saldo le cifre a carico dei contribuenti possono essere diverse e maggiori rispetto all'acconto di giugno. Questo perché a giugno si è proceduto al pagamento del 50% dell'aliquota standard, mentre a dicembre ci sarà il saldo relativamente alle aliquote reali. Casa di abitazione e immobili agricoli a dicembre pagano la stessa cifra di giugno, in altri casi (seconde case, fabbricati commerciali o industriali, aree, ecc..) il Comune di Imola – come la stragrande maggioranza dei Comuni italiani – ha deliberato aliquote superiori a quelle standard e quindi il conguaglio di dicembre per i contribuenti sarà più alto della quota pagata a giugno. La cifra complessiva annuale dovuta dai contribuenti non cambia rispetto a quanto deliberato a inizio anno dal ComunePer informazioni: Ufficio tributi, Palazzo municipale 1° piano, telefono: 0542/602342/2135/2223/2381/2225/2226 – tributi@comune.imola.bo.it. Orari di ricevimento al pubblico: martedì 8.30-13.00 e 15-18, giovedì 8.30-13, sabato 8.30-12.30. Per l'esame di casi particolari e complessi, si consiglia di presentarsi previo appuntamento telefonico.