Massa Lombarda (Ra). Domenica 25 novembre alle 21 Artemide (Associazione donne della Bassa Romagna) porterà in scena presso la sala del Carmine di Massa Lombarda lo spettacolo “Stra-ordinarie voci e storie di donne”. La serata è organizzata da Comune di Massa Lombarda e Artemide, in collaborazione con Udi (Unione donne in Italia) e Demetra-Donne in aiuto, per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Attraverso una sorta di autobiografia a più voci lo spettacolo presenta profili e storie di donne dal destino, appunto, straordinario. Sicuramente fuori dall'ordinario sono infatti le vite di Anna S. Politkovskaja, Isabel Allende, Miriam Makeba e di altre figure femminili per le quali l'intreccio tra caratteristiche personali e vicende storiche in cui si sono trovate coinvolte ha prodotto esistenze uniche. Di questa selezione fanno però parte anche vite apparentemente ordinarie di donne come Felicia Bartolotta Impastato, Nadia Gallico Spano e altre che hanno gestito le quotidianità, amato e lavorato affrontando imprese e difficoltà particolari.


 

“Artemide, associazione culturale delle donne della Bassa Romagna, è nata per promuovere la dignità, l'integrità e l'identità femminile nel lavoro e nelle relazioni sociali – commenta la presidentessa Mirella Dalfiume –. Questo spettacolo porta in scena proprio le donne, facendo rivivere attraverso brevi narrazioni le loro ragioni, i loro sentimenti, le scelte, gli ideali; ogni presentazione è seguita da una canzone coerente con il testo recitato. All'iniziativa – conclude Mirella Dalfiume – hanno aderito e collaborato l'associazione Demetra-Donne in aiuto di Lugo e l'Udi di Massa Lombarda, proprio in ragione della volontà comune a tutte di richiamare l'attenzione sulla giornata contro la violenza sulle donne”.

 

“Ricordare questa data – sottolinea il sindaco Linda Errani – significa non dimenticare che ogni giorno anche nel nostro paese ci sono donne i cui diritti fondamentali e inalienabili sono negati, con la violenza psicologica ma anche fisica, fino alla privazione della vita. C'è bisogno di un grande salto culturale e di un forte impegno civile affinché quello che Amartya Sen ha definito “il genocidio nascosto” sia fermato. Per questo sono necessari sia l'impegno delle istituzioni chiamate a sviluppare progetti di prevenzione, protezione e tutela delle donne, sia l'attività della società civile. Ringrazio le associazioni Artemide, Demetra-Donne in aiuto e l'Udi per l'impegno profuso e per aver promosso questa iniziativa di grande sensibilizzazione nei confronti dei cittadini”.

 

Testi e letture saranno curate da Artemide, mente gli intermezzi musicali saranno affidati alle voci di Loretta Contadini e Stefania Cattani, al pianoforte di Raffaello Bellavista, al basso di Rodolfo Vicente Tonas Vasquez e alle percussioni di Alberto Zaganelli. L'ingresso è a offerta libera e il ricavato sarà devoluto a Demetra-Donne in aiuto per le iniziative a sostegno delle donne vittime di violenza. Per informazioni:Artemide – Associazione donne della Bassa Romagna, corso Matteotti 57, Lugo, email artemide@racine.ra.it.