Castel San Pietro Terme. Una riduzione delle aree residenziali pari al 50% rispetto al documento preliminare, l'individuazione di tre poli funzionali: quello termale, quello denominato san Carlo con al suo interno un ulteriore polo sportivo-commerciale, il cosiddetto polo Decathlon. Questi, in estrema sintesi, i punti del nuovo impianto del Psc (Piano strutturale comunale) che andranno ad interessare il territorio di Castel San Pietro Terme.

 

Il “polo Decathlon” in particolare vedrà la realizzazione di diversi impianti sportivi, ed in misura minore commerciali, che saranno a disposizioni dei singoli individui e delle associazioni dei comuni del territorio e non della sola città di Castel San Pietro Terme. In perfetta concomitanza con la nuova visione del Psc che vuole che le dieci amministrazioni del circondario escano dai loro confini particolari per favorire progetti e programmazioni di area vasta.

 

“Il nostro territorio viene innanzitutto salvaguardato, sia in termini di dotazioni strutturali che di dotazioni ecologiche ed ambientali – spiega il sindaco Sara Brunori –. Abbiamo cercato di utilizzare quello che è il perimetro del territorio già urbanizzato perché oggi non è più possibile pensare ad insediamenti completamente ex novo, dove non ci siano strutture ed urbanizzazioni già preimpostate: i costi delle costruzioni e la crisi dell'edilizia ci impone una riflessione anche in questo ambito”. (Leonardo Bettocchi).