Ravenna. Il Consiglio comunale di Ravenna ha approvato la nuova organizzazione scolastica del territorio che prevede l'istituzione di dieci istituti comprensivi. Qualità della scuola, andamenti demografici, distribuzione degli studenti nel territorio, pieno e funzionale utilizzo delle strutture esistenti e interventi di ampliamento laddove si prefigura il reale rischio di ritornare ai doppi turni: sono alcuni dei nodi più importanti di questa riorganizzazione.

“Abbiamo affrontato un lungo percorso di ascolto e di confronto – spiega il sindaco Matteucci – abbiamo svolto più di 100 assemblee e abbiamo ascoltato tutti. Nessun partito e nessun sindacato ha saputo avanzare una proposta alternativa. Solo paura di cambiare e sogni irrealizzabili. Questa riorganizzazione si accompagna ad importanti interventi di edilizia che sono da portare a termine entro il 2016 per scongiurare i doppi turni”.

Questi interventi consistono nell’ampliamento della scuola Vincenzo Randi (18 aule in più) e della scuola Ricci Muratori (16 aule in più), da aggiungersi alle 8 in via di ultimazione in questi mesi. La palestra a Lido Adriano e un’aula in più a Castiglione di Ravenna.