Il segretario nazionale stravince al secondo turno scavando un solco tra lui (60,8%) e Matteo Renzi (39,1%) dopo 7387 seggi scrutinati su 9219. Sarà quindi Pierluigi Bersani il candidato premier del centro sinistra nelle elezioni politiche della primavera del 2013. A lui anche le congratulazione dello sconfitto: “Nessuna regola diversa avrebbe potuto cambiare il voto, Bersani ha vinto”.