Imola. Quando si viaggia in aereo è estremamente importante conoscere prima le condizioni di rischio cui si va incontro. Quello dei trasporti aerei risulta essere altresì un settore dove le norme di sicurezza devono essere osservate maniacalmente.

Per questi motivi la Commissione Europea ha varato una “lista nera” delle compagnie aeree: in questo elenco, aggiornato periodicamente, ricadono quelle compagnie che non hanno osservato le stringenti regole, quindi considerate poco sicure e per questo bandite dallo spazio aereo dell'UE.


Si rileva come l’istituzione con sede in Bruxelles abbia deciso nell'ultima lista aggiornata ieri 4 dicembre 2012, fra l’altro, di imporre il divieto “ai vettori aerei certificati in Eritrea, a causa di gravi criticità riscontrate in materia di sicurezza”.

Diversamente, in virtù dei miglioramenti riscontrati per ciò che concerne la sicurezza, Bruxelles ha rimosso dalla classifica “tutti i vettori aerei certificati in Mauritania e la compagnia Jordan Aviation”. Ancora nell'elenco invece la Libia nonostante i progressi riscontrati.

Il vicepresidente della Commissiione Europea Siim Kallas, responsabile per i trasporti, ha sottolineato che “essa è pronta a compiere ogni sforzo possibile per aiutare i paesi colpiti dal

divieto, a dotarsi della capacità tecnica e amministrativa necessaria per superare le difficoltà

nel settore della sicurezza con la massima rapidità ed efficienza. Tuttavia la sicurezza deve sempre avere la precedenza e non intendiamo accettare compromessi su questo punto”. (Elvis Angioli)