Imola. Sabato 15 dicembre sarà sicuramente una giornata importante per la politica imolese. Il gruppo di “renziani” vicino a Comunione e liberazione, capitanato da Mirco Cantelli, terrà in tarda mattinata al bar Bacchilega una conferenza stampa. Le stesse persone che hanno messo nero su bianco sul tavolo del sindaco Daniele Manca 43 punti, tutti per loro irrinunciabili, per fare un'alleanza alle ormai vicine elezioni amministrative. Visto che molti argomenti riguardano uno stravolgimento del Psc (piano strutturale comunale) è quasi certo che non saranno accettati da Manca. Dunque, Cantelli, l'ex presidente della Coop Ceramica Giampietro Mondini e i suoi saranno attirati dall'amicizia stretta durante le primarie del centrosinistra con il gruppo che ha come rappresentante più autorevole l'on. Raffaello De Brasi, il quale negli ultimi tempi non ha fatto mistero di voler creare una propria lista civica.
E proprio Cantelli, il volto nuovo cercato da De Brasi, sarà probabilmente il candidato a sindaco della lista civica dove dovrebbero confluire uomini d'esperienza e giovani. Intanto, il Pd ha deciso di tenere le parlamentarie il 29 e il 30 dicembre. In campo a Imola ci sarà sicuramente il 26enne Jacopo Lanzoni pronto a sfidare l'on. Massimo Marchignoli, meno forte rispetto a un anno fa, criticato all'interno del partito, ma difeso dall'assessore alla Scuola Marco Raccagna, anche a nome del sindaco Daniele Manca. Una partita a scacchi dalla quale potrebbe uscire nei prossimi giorni un terzo contendente della famiglia “renziana”, magari fra gli iscritti al Pd.
(m.m.)