Il ministro per gli Affari regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi, ha presentato la campagna “RiPartiamo Insieme…”, un progetto per contribuire al rafforzamento del turismo nelle zone interessate dal terremoto dello scorso maggio, nello specifico le aree delle Province di Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Bologna, Mantova, Rovigo e Delta del Po. Il progetto, il cui incarico è stato affidato dal ministro alla Struttura di missione per il rilancio dell'immagine dell'Italia, è il risultato della volontà congiunta di un tavolo di lavoro composto, ad oggi, da tre regioni: Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. Le Regioni hanno, sin dai giorni immediatamente successivi al terremoto, condiviso l'obiettivo e unito le loro risorse per dare ampio sostegno al territorio, incentivando il turismo sia nazionale che internazionale, con particolare attenzione ai flussi provenienti da Gran Bretagna, Germania e Russia. La campagna è finalizzata a valorizzare gli aspetti peculiari e le eccellenze di questo ampio territorio – cultura, arte, enogastronomia, natura – che costituiscono una straordinaria risorsa su cui far leva per intercettare una quota consistente di viaggiatori italiani, dei paesi esteri che tradizionalmente privilegiano il nostro Paese come destinazione e dei paesi emergenti.

Il cuore della campagna intende valorizzare le peculiarità dei territori e quindi le realtà classificate dall'Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Da questi presupposti nasce il progetto “Quadrilatero dell'Unesco”, una proposta di itinerario integrato, facilmente fruibile ed ideale per condividere suggestioni ed esperienze uniche grazie ai luoghi ricchi di storia, cultura, arte, bellezze naturali e tradizioni enogastronomiche irripetibili. L’iniziativa, inoltre, è volta a sottolineare l’elevata qualità di sempre dei servizi offerti nell’area, frutto di un'imprenditorialità vivace, professionale e di lunga tradizione. “Con questa iniziativa, finanziata a livello nazionale, vogliamo far conoscere in primo luogo all’Italia e ai mercati europei le aree colpite dal terremoto, in particolare le nostre grandi città d’arte che sono pronte ad accogliere i turisti fornendo le stesse opportunità di prima del sisma, dai grandi eventi al patrimonio culturale ed artistico. Il progetto, che condividiamo assieme a Lombardia e Veneto, serve a promuovere in maniera unitaria una nuova opportunità turistica rappresentata dal Quadrilatero dell'Unesco”, commenta Maurizio Melucci, assessore al Turismo, Regione Emilia Romagna.

“Regione Lombardia aderisce con entusiasmo al progetto che vede unite tre Amministrazioni regionali per il sostegno concreto e la promozione delle aree colpite dal sisma: aree ad alta attrattiva turistica. Vogliamo contribuire a rilanciare un patrimonio straordinario di cultura, arte, paesaggio, enogastronomia. Il presidente Roberto Formigoni, la Giunta e il mio assessorato ha subito messo a disposizione il lavoro e le risorse della Regione per dare ancora più forza al progetto che è anche un esempio virtuoso di collaborazione tra Istituzioni. Mantova e Sabbioneta, in particolare, meritano tutto il nostro sostegno e la nostra attenzione: due città patrimonio del mondo, capaci di stupire e coinvolgere i turisti di ogni continente. Due città coraggiose che, insieme al loro territorio, non si  sono perse d’animo e hanno subito scommesso sulla propria ripresa. La mia presenza qui oggi è il segno di una solidarietà e di impegno concreti”, commenta Margherita Peroni, assessore al Commercio, Turismo e Servizi di Regione Lombardia.

“Il Veneto ha accolto con favore la possibilità di poter promuovere le aree che hanno subito la calamità naturale nella convinzione che le istituzioni debbano mantenere il proprio sostegno anche oltre l’emergenza.  Rafforzare il turismo nelle aree colpite a dimostrazione che  nulla è cambiato nella qualità ricettiva e nei servizi offerti, nonché nella sicurezza, è un messaggio pienamente condiviso. Un  territorio compreso fra le tre Regioni di grande valenza paesaggistica e con un ricco patrimonio artistico – culturale,  dove il Polesine rappresenta un prezioso angolo del Veneto, una terra ricca di patrimoni culturali e naturali,  meta ideale per viaggiatori attenti ad un ecosistema di straordinaria varietà e bellezza e di cultura legata al magico incontro di terra e acqua”, commenta Marino Finozzi, assessore al Turismo e al Commercio estero, Regione Veneto

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito www.quadrilaterounesco.com.

(Silvana Benedetti)