Per quali ragione avete deciso di partecipare a questa sfida interna?
“Io credo molto nello strumento delle primarie, una scelta democratica e partecipata delle candidature. Mi sono buttato nella mischia consapevole di avere l’esperienza (sono stato vicesegretario della storica sezione Strocchi di Ravenna e consigliere comunale per due mandati, di cui uno da capogruppo Pd) la competenza (mi sono laureato in diritto parlamentare, sono un avvocato amministrativista e so scrivere un progetto di legge), la passione e la freschezza necessarie per un vero rinnovamento nel mio partiti. Ho 37 anni e non posso accettare che il mio Pd faccia primarie aperte e poi faccia due candidature di partito, ufficiali.
Essere segretario provinciale del partito non è di per sé sufficiente a rappresentare un territorio e non mi piace l’ostilità al cambiamento dei grandi sostenitori di Alberto Pagani.
Sefi è una grande campionessa e una grande donna che stimo e ammiro, ma che c’azzecca col Parlamento?  Ricordo più le assenze da Giunta e Consiglio di Sefi per i troppi impegni sportivi che altro. Quando si prende un impegno coi cittadini e gli elettori bisogna satre lì e lavorare a testa bassa.Io in questi anni ho dimostrato di essere un idealista ma anche un gran lavoratore. Amo il mio Pd, ma lo voglio più aperto e pluralista. Se dovessi mettere un accento su una parola, tra “partito” e “democratici” l’accento lo metterei sul secondo.
I candidati ufficiali lo mettono sul primo e temono gli outsider di queste primarie.”

Qual è il suo programma politico, vale a dire il contributo che ?pensate di portare con voi in Parlamento?
“Competenza,capacità di ascolto e spirito di servizio, attenzione al tema del lavoro, quello che manca e quello traballante, di chi è precario, difesa della scuola e della dignità degli insegnanti, diritto al futuro delle giovani generazioni, onestà e trasparenza della politica, determinazione nel raggiungimento degli obbiettivi di sviluppo del nostro territorio provinciale e della nostra gente.
Sono l’unico candidato che ha pubblicato il prprio curriculum chiedendo agli altri di fare altrettanto.
Il mio cellulare è 3284646537 e la mia mail è avv.andreamaestri@libero.it.
Non voglio mai perdere il contatto con le persone e sono al loro servizio, non al servizio di una burocrazia di partito.