Favorire la penetrazione commerciale sul mercato indiano delle imprese emiliano-romagnole produttrici di macchine agricole. E'  l’obiettivo del ‘Progetto Campo prova Punjab, realizzato da Unioncamere Emilia-Romagna in partenariato con Regione Emilia-Romagna, FederUnacoma (Federazione Nazionale Costruttori Macchine per l’Agricoltura) e IICCI (Indo-Italian Chamber Of Commerce & Industry). L’iniziativa si pone l’obiettivo di far conoscere agli operatori (sia grandi latifondisti che piccoli coltivatori consorziati) e ai funzionari governativi indiani, l’ampia gamma, l’adattabilità, la qualità e l’efficienza di funzionamento delle macchine e attrezzature per l’agricoltura, della relativa componentistica e dei macchinari per l’agroindustria e il food processing prodotte in Emilia-Romagna. In India, il settore agroalimentare è in espansione grazie all’acquisto di macchinari tecnologicamente sempre più avanzati per limitare gli sprechi lungo la catena logistica e del freddo e aumentare l’efficienza produttiva. Per il “Campo Prova” è stata individuata una location adatta in Punjab (per i terreni di lavorazione e i magazzini di stoccaggio delle macchine) messa a disposizione dal governo locale, e sono state identificate e concordate le tecnologie e i macchinari da utilizzare.
Le imprese emiliano-romagnole interessate ad inviare in India i macchinari per l’utilizzo nel Campo Prova in modo da sfruttare questa opportunità hanno ancora qualche giorno di tempo per aderire: scade infatti lunedì 14 gennaio il termine per inviare il modulo di iscrizione scaricabile dall’home page del sito di Unioncamere Emilia-Romagna all’indirizzo www.ucer.camcom.it.