Imola. Nel corso del 2012 sono 42 i cittadini stranieri residenti a Imola che  hanno acquistato la cittadinanza italiana che si è estesa ai loro figli minori conviventi. La cerimonia di accoglienza per i “nuovi cittadini” si è svolta martedì 15 gennaio in municipio alla presenza del sindaco di Imola, Daniele Manca, dell’assessore alle politiche per l’integrazione multiculturale, Ivan Vigna e dell’assessora ai servizi demografici, Donatella Mungo. A tutti i neo cittadini italiani è stato consegnata una copia della Costituzione.

Dei 42 “nuovi cittadini” 19 sono uomini, 23 le donne ai quali si aggiungono 26 figli minori conviventi. Fra gli adulti 4 sono di cittadinanza albanese, 13 di cittadinanza marocchina, 5 di cittadinanza tunisina, 4 di cittadinanza romena, 5 di cittadinanza polacca, 3 di cittadinanza ucraina e 1 di cittadinanza Usa, 1 di cittadinanza tedesca, 1 di cittadinanza slovacca, 1 di cittadinanza colombiana, 1 di cittadinanza cilena, 1 di cittadinanza congolese, 1 di cittadinanza dominicana e 1 di cittadinanza pakistana. Fra i minori conviventi, 19 sono di origine marocchina, 2 di origine albanese, 2 di origine pakistana, 1 di origine rumena, 1 di origine colombiana e 1 di origine ucraina.

“Voglio porgervi il benvenuto e congratularmi con voi per la scelta importante ed impegnativa che avete compiuto e che ci riempie di soddisfazione. L’Italia è un grande Paese, che ha grandi potenzialità e l’augurio è che la vostra scelta possa esser fruttuosa per voi e per il Paese – ha sottolineato il sindaco, Daniele Manca -. Come Comune siamo impegnati a garantire gli stessi diritti di accesso a servizi di qualità a tutti i cittadini, ed il diritto al lavoro. Oggi a voi acquisite il diritto – dovere di applicare la Costituzione italiana e noi assumiamo la responsabilità di non lasciare nessuno solo, ma di promuovere la solidarietà e la piena inclusione sociale per tutti”.