Roma. L'Istituto Superiore di Sanità ha consegnato al Ministero della salute un rapporto basato su parametri scientifici in merito alla pericolosità delle sigarette elettroniche contenenti nicotina. La conclusione pubblicata è che queste “presentano potenziali livelli di assunzione di nicotina per i quali non si possono escludere effetti dannosi per la salute umana, in particolare per i consumatori in giovane età”.

La valutazione di rischio fa riferimento a quanto affermato dai produttori dei dispositivi sulle finalità di smettere di fumare, in quanto ad oggi non esiste evidenza scientifica sufficiente a stabilirne la sicurezza d’uso e l’efficacia come metodo per la disassuefazione da fumo. Pertanto, secondo l'ISS andrebbero regolamentati come dispositivi medici o prodotti farmaceutici.

Il Ministero ha emanato, ancora nel febbraio 2010, prescrizioni per l'etichettatura di tutti i prodotti contenenti nicotina con simboli di tossicità, vietandone inoltre la vendita ai minori di 16 anni.