Egr. direttore,

il 14 gennaio 2013 Il presidente di Con.Ami ha informato la commissione consiliare imolese che la discarica di via Pediano entro 5 anni sarà riempita, quindi per evitare problemi si è già avviato l'iter per il suo ampliamento.

Il 25 ottobre 2012 l'assessore all'ambiente della regione veneto Maurizio Conte ha dichiarato: “Stiamo rivedendo la pianificazione degli impianti di termovalorizzazione, per cui non solo non verranno autorizzate nuove aperture, come già abbiamo chiarito in passato,ma verrà anche ridotto del 20% il dimensionamento dell’impianto del Ca’ del Bue” e ” si dovrà cominciare a chiudere qualche discarica, perché il conferimento è ormai ai minimi (meno 18% nel 2011, ndr.), limitato per lo più ai residui della combustione nei termovalorizzatori” e conclude che “il modello a cui stiamo pensando non è quello di San Giuliano, col cappotto in cemento e la messa in sicurezza a carico dei proprietari, bensì uno completamente nuovo, che grazie alle tecnologie più recenti ci permetta, a fronte della dissoluzione negli anni delle frazioni umide, di recuperare il recuperabile, destinando il resto ai termovalorizzatori. Insomma, le discariche verrebbero svuotate”.

Attualmente in Veneto sono attive 10 discariche a gestione pubblica (l’undicesima, Campodarsego, è già chiusa e sta completando la messa in sicurezza) e secondo il piano redatto da Arpav dovrebbero chiudere tutte nell’arco di 8 anni.

I nostri amministratori rivendicheranno con orgoglio la lungimiranza e il pragmatismo delle loro scelte, noi la possibilità di cambiarli il prima possibile. Si può fare.

(Movimento 5 Stelle Imola)