Bagnacavallo (Ra). L’Ecomuseo della Civiltà Palustre di Villanova di Bagnacavallo sbarca a Forlì dove sarà nuovamente ospite di Sapeur, mercato delle eccellenze enogastronomiche e dell’artigianato tipico in programma alla Fiera di Forlì dal 25 al 28 gennaio.

Dopo il successo delle passate edizioni, l’Ecomuseo grazie agli artigiani del Cantiere Aperto riconfermerà il proprio impegno ad allestire e dare vita al Padiglione della cultura e della memoria romagnola, una grande ricostruzione ambientale della corte rurale, del vecchio mercato, della cucina, della cantina e della bottega dei terracottai.

I visitatori si troveranno di fronte a una borgata con quanto di meglio rimane dell’artigianato locale: telai per la costruzione di stuoie, l’arte della torsione delle corde fatte con le sole mani, la vasta gamma degli intrecci e decori del tessuto della tradizione romagnola, la costruzione di sporte, l'impaglio del fiasco e il restauro e l’impaglio delle vecchie sedie romagnole. Si vedranno ancora all’opera l’arrotino, i cestai e le ricamatrici, e si osserveranno i mestieri domestici del tagliere e della grama. La vecchia falegnameria lavorerà il legno nostrano e oltre alla costruzione delle sedie e delle stie offrirà l’opportunità di utilizzare un antico attrezzo detto “cavallo” e di provare la scortecciatura dei pali. Nella bottega della ceramica ci saranno il torniante, che con la creta delle colline romagnole realizzerà le antiche teglie di terra a fuoco per la cottura della piadina, e il laboratorio della pepa caratena e dei fischietti in terracotta realizzati col fango del fiume e ancora la ceramica faentina. Nella cucina ci saranno le paste dimenticate eseguite al tagliere e che portano nomi particolari, come giugeti misti di farina gialla e bianca cotti in brodo di fagioli o latte, ingâna prit o ingâna puret, conosciuti anche come orecchie di gatto. Il Padiglione ospiterà inoltre i pregiati vini delle terre del fiume Lamone, con l’antico vitigno Bursôn del consorzio “Il Bagnacavallo”. La giornata di venerdì 25 gennaio sarà dedicata alle scuole, con visite guidate e laboratori.

Per informazioni: Ecomuseo della Civiltà Palustre, tel. 0545.47122 – barangani@racine.ra.itwww.erbepalustri.it.