Presentata a Bologna la 37ª edizione di Arte Fiera che prenderà il via venerdì 25 gennaio per concludersi, il 27. Un’edizione tutta nuova quella del 2013 che tuttavia presenta  aspetti di continuità con il passato. Nel 2012 la manifestazione italiana più vecchia e importante del suo genere ha contato 37.844 visitatori (+ 10% rispetto al 2011), 50.000 presenze nei musei bolognesi, 100.000 persone alla Notte Bianca. 150 le gallerie che hanno affollato i padiglioni di Bologna Fiere di cui 27 straniere dall’Austria, dalla Francia, dalla Gran Bretagna, dalla Germania, dalla Spagna, dalla Cina, dal Giappone e dagli Stati Uniti. 40 fra case editrici, testate d’arteitaliane e straniere per un totale di 190 espositori. Oltre 1.100 artisti in mostra per un totale di 2.000 opere esposte. Numeri importanti, su cui gli organizzatori hanno preparato il rilancio dell’edizione 2013.

 

Molte novità

Molte le novità di quest’anno, a cominciare dalla direzione artistica a tre affidata a Gianfranco Maraniello direttore del Mambo e coordinatore di Arte City, Claudio Spadoni e Giorgio Verzotti.  Questi ultimi si occuperanno anche delle opere acquistate con il Fondo di acquisizione per l’arte giovane fortemente voluto dal presidente di Arte Fiera Duccio Campagnoli finalizzato ad arricchire la collezione di Arte Fiera con uno stanziamento di 100.000 €. Fondo che sarà riproposto il prossimo anno con l’apporto anche di risorse private. Al centro della 37ª edizione l’arte italiana moderna e contemporanea e gli artisti stranieri che l’hanno studiata e ne hanno subito gli influssi. In particolare le tendenze italiane della fine degli anni ’50 proseguite negli anni ’60 e ’70 ispirate al razionalismo visivo, al Concretismo dall’Arte Cinetica e programmate alle tendenze analitiche in pittura e scultura dell’Arte Concettuale e in genere allo sperimentalismo di quegli anni. Diversi artisti di quelle generazioni saranno ospitati nella sezione Solo Show con gallerie che esporranno le opere di un unico artista. Altra novità la mostra “Storie italiane” a cura di Laura Cherubini e Lea Mattarella che hanno selezionato opere dalle gallerie partecipanti. Un racconto per immagini su come siamo, come ci vediamo, come ci vedono gli altri che contestualizza la Fiera. Di scena anche i social network: nasce il social media team forte dei  150.000 contatti sul sito, delle 50.000 visualizzazioni della playlist You Tube e di 3.000.000 di contatti su Facebook, Twitter e Foursquare nel 2012, Arte Fiera organizza, in collaborazione con SocialLab “Aspettando Artefiera” il contest (lanciato il 10 gennaio) per vincere:

 • ingresso VIP

• biglietto del treno Italo per partecipare ad Arte Fiera 2013

Un twitt per entrare a far parte del social media team Arte Fiera 2013. Prendendo spunto dalla mostra “Storie italiane – per raccontare una 'storia italiana'” e il proprio punto di vista sull'arte contemporanea italiana del Novecento.

Contest 2 – My #Artefiera – Fotografa le tue emozioni

Arte Fiera 2013, in collaborazione con SocialLAB, organizza:

My #artefiera il contest che si svolgerà durante i giorni di manifestazione.

Con una foto che descriva l’icona personale di Arte Fiera: un’opera o installazione, i palazzi storici che ospitano mostre ed eventi, gli scorci di una città vestita di arte contemporanea.

 

Una mostra aperta e tanti eventi

Una mostra aperta che ospita oltre 1.100 artisti, con una sezione dedicata alle giovani gallerie  e la riproposizione del Premio Furla per artisti giovani ed emergenti e del premio Euromobile riservato agli artisti under 30. Molti gli eventi in programma. Sette conferenze per fare il punto del sistema arte in Italia e oltre 50 gli eventi di Art City ospitati nelle strutture e negli Istituti più prestigiosi della città. I palazzi storici saranno “invasi” dall’arte contemporanea e saranno aperti al pubblico consentendo l’accesso gratuito al patrimonio storico bolognese, diversi anche i progetti di installazioni nei siti cittadini del centro storico.

(Virna Gioiellieri)