Imola. La quinta edizione del premio “Giorgio Antonucci” si terrà sabato 26 gennaio 2013 presso l'Auditorium del Duomo a Firenze. Quest'anno saranno premiati due imolesi: Giovanni Angioli e Massimo Golfieri. Ospedale psichiatrico Golfieri

Il premio “Antonucci”, offerto dal Comitato Internazionale dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), seleziona ogni anno persone che si sono particolarmente distinte nella difesa di queste prerogative nel campo della salute mentale.

Rende il nome all'evento il famoso psichiatra Giorgio Antonucci che ha lavorato al fianco di Basaglia negli anni '70 a Gorizia; nel 1973 passò a Imola all'ospedale psichiatrico dell'Osservanza e in seguito divenne primario del reparto autogestito Lolli fino al 1996. Oggi Antonucci prosegue la sua attività culturale e scientifica a Firenze e non solo.

Giovanni Angioli, nato nel 1949, ha lavorato come infermiere psichiatrico e poi coordinatore presso il reparto autogestito Lolli di Imola per 15 anni. Ha collaborato con il dottor Antonucci nel superamento della cultura psichiatrica tradizionale post Basaglia, non ancora priva di forme di coercizione e di ingiustizia. Si è distinto in particolare per l'impegno nell'inserimento dei pazienti nel lavoro e nella società. Giovanni oggi è pensionato e vive a Casalfiumanese (Bo).

Massimo Golfieri, classe 1953, è artista visivo. Ha documentato negli anni le realtà all'interno delle strutture psichiatriche di Imola dove ha incontrato Giorgio Antonucci e vissuto da vicino le varie fasi del suo percorso di liberazione delle persone internate.

Oggi Massimo collabora con poeti, musicisti ed altre realtà indipendenti nel campo della comunicazione. Ha esposto e pubblicato in diverse città italiane e europee. Vive e lavora ad Imola.

Guarda la galleria di immagini di Golfieri >>>