San Lazzaro di Savena (Bo). Settima vittoria consecutiva per la Sigma Virts Imola nelcampionato di basket Divisione nazionale C. Contro San Lazzaro gli imolesi hanno faticato per due quarti per poi fare emergere la propria classe. I gialloneri si godono così il secondo posto solitario e l'inseguimento alla capolista Orva può proseguire. “Ho solo una cosa da dire: i ragazzi sono stati straordinari”, il commento di un euforico Zarifi.
Si gioca in trasferta, ma è come essere in casa. A San Lazzaro è una bolgia giallonera. I tifosi hanno seguito la Sigma in massa. Hanno capito l'importanza della partita. ma l'inizio è da horror. Lollini è una furia scatenata e mette a referto 9 punti in tre minuti. Imola però non si fa sorprendere e, con calma, inizia a macinare il suo gioco rintuzzando gli attacchi dei padroni di casa. Ne esce un primo quarto tutto sommato equilibrato, in cui spiccano l'attenta difesa di Pieri da un lato e la precisione di Lollini al tiro dall'altro. Solo nel finale un paio di incursioni personali di Bianchi e una bomba di Rambelli allo scadere allargano la forbice tra le due squadre: 23-14 per San Lazzaro.
Corazza prova a dare la scossa ai suoi, ma la scarsa precisione dei compagni (e un arbitraggio contestabile) sembrano indirizzare la partita sui binari di San Lazzaro. Capitan Guglielmo e Porcellini provano a risollevare i compagni e a stringere le maglie in difesa. Il tentativo sortisce l'effetto sperato e, complice anche l'ingresso di un Cirla in stato di grazia e un canestro da metà campo di Grillini sulla sirena, Imola recuperà fino al meno 3: 37-40.
Sulle ali dell'entusiasmo Imola torna in campo decisa a vincere il match. Il sorpasso è nell'aria e arriva grazie ad un Grillini in versione cecchino infallibile da tre. E' tutta un'altra partita. La Virtus è più precisa in attacco, meno farfallona in difesa. San Lazzaro, per contro, è meno infallibile, ma resta col carattere attaccata alla partita. Non per niente il punteggio è sempre in equilibrio. Ci vuole un parziale di 10-1 (bombe di Pieri e Cirla, più Massari e Porcellini) per spezzarlo. Alla penultima sirena Imola è in fuga: 67-57.
Il quarto periodo così si trasforma in una formalità. Porcellini mette a segno  canestri a ripetizione, ma Corazza non è certo da meno. La Jota è frastornata e non ce la fa più. A cinque dalla fine il vantaggio è dilatato fino a +21. Si aspetta solo la fine per festeggiare l'apoteosi e il secondo posto solitario. La caccia a Lugo può continuare.

Il tabellino
BSL JATO GROUP SAN LAZZARO – SIGMA IMOLA 76 – 90
San Lazzaro: Gianasi 15, Verardi 2, Maccaferri 10, Burresi, Rambelli 7, Rossi 19, Lollini 19, Zanellati n.e., Chiapparini n.e., Bianchi 4. All.: Bettazzi.
Imola: Sassi, Pieri 7, Corazza 12, Grillini 9, Di Placido, Cirla 8, Boschi, Massari 15, Guglielmo 16, Porcellini 23. All.: Zarifi.
Parziali: 23-14, 37-40, 67-57.
Arbitri: Pazzaglini, Vita.
Spettatori: 300.