Imola. Una vittoria sofferta, emozionante, vibrante, in bilico fino agli ultimi secondi di gara. Alla fine a far festa è Sigma che arriva a otto vittorie consecutive nel campionato di basket, Divisione nazionale C. La partita. Siamo abituati alle partenze soft della Virtus, spesso culminate con grandi rimonte, ma uno 0-8 dopo meno di due minuti proprio non ce l’aspettavamo. Fortuna vuole che, richiamata subito all’ordine da coach Zarifi, Imola inizi a macinare presto il suo gioco e, col binomio Grillini-Guglielmo, pareggi i conti e passi in vantaggio in fretta. Morale della favola? Dopo lo spavento iniziale, i gialloneri piazzano un 13-0 che obbliga mister Alessandrini ad un frettoloso timeout. Timeout che sortisce l’effetto sperato e riavvicina gli abruzzesi a Imola, comunque brava a mantenere le testa avanti: 21-20 alla prima sirena.
Il secondo quarto inizia all’insegna dell’equilibrio. Nessuna delle due squadre sembra voler spingere del tutto sull’acceleratore, ma lo spettacolo non ne risente. Grillini e Iagrosso fanno a gara di tiro da tre punti, Pieri e Marzoli ingaggiano uno spettacolare duello in difesa. Il guanto di sfida lo lanciano Iagrosso e Sacripanti che, con quattro canestri in rapida sequenza (e con un Marzoli superlativo), spezzano in due il match. La bomba di Guglielmo sul finire del tempo mantiene però Imola in partita: 33-39.
Alla Virtus serve una scossa. Chi altri, se non Porcellini, può dargliela? Detto fatto e, con la spinta del suo bomber, Imola prima pareggia e poi si riporta avanti a metà terzo quarto: 43-39, parziale di 10-0 (8 punti sono del Porc). È il momento di affondare la lama e la Virtus non se lo fa ripetere due volte. Massari e Guglielmo aprono la strada, Porcellini ingrana la quinta e ciao ciao Giulianova: 54-44. I numeri del terzo quarto sono impietosi per gli abruzzesi: appena cinque punti segnati, contro i 21 della Virtus.
Partita chiusa? Tutt’altro. Marzoli e compagni sono duri a morire e a cinque dalla fine sono ancora lì: -6. Sulle ali dell’entusiasmo gli abruzzesi rimontano punto su punto fino al meno due a 100 secondi dalla sirena. Porcellini è un iceberg e riporta i suoi a +4 dalla lunetta. Il finale è carico di tensione. Bomba di Gallerini e Giulianova a -1. Ancora il Porc per il +3. Guglielmo ruba un pallone fondamentale e segna il +5 in contropiede all’ultimo giro di lancette dal gong. L’intramontabile Marzoli mette a segno il -3, ma esaurisce i falli a 15 secondi dal gong mandando Grillini in lunetta. Il pallone è un macigno ma il Grillo fa uno su due: +4 Imola. Timeout di coach Alesssandrini, ma non serve a nulla. Elia sbaglia in canestro della speranza e la Sigma può far festa!
 
Il tabellino
SIGMA IMOLA – GLOBO GIULIANOVA: 65 – 61
Calendario e classifica

Imola: Sassi n.e., Pieri 1, Grandolfi n.e., Corazza 7, Grillini 11, Di Placido, Cirla, Massari 8, Guglielmo 16, Porcellini 22. All.: Zarifi.
Giulianova: Iagrosso 11, Pira 7, Cianella 6, Sacripante 7, Scarpetti n.e., Papa n.e., Marzoli 15, Travaglini n.e., Elia 2, Gallerini 13. All.: Alessandrini.
Parziali: 21-20, 33-39, 54-44.
Arbitri: Brocca, Bonotto.
Spettatori: circa 350.