Imola. Inaugurati i nuovi spazi del Consultorio familiare e dello Spazio giovani al primo piano dell’Ospedale vecchio, nei locali ristrutturati che ospitarono la Terapia antalgica. Il Consultorio Familiare di Imola è un servizio attivo dagli anni settanta, mentre lo Spazio Giovani, rivolto a ragazze e ragazzi tra i 14 ed i 20 anni, è nato nel 1993.
Oltre ad Imola, sedi del Consultorio e Spazio giovani sono presenti anche a Castel San Pietro Terme e Medicina.
Le peculiarità di questo servizio sono il lavoro in équipe, la capacità di lavorare per problemi e non per singole prestazioni e la presa in carico globale della donna, delle coppie delle famiglie e dei giovani, sia da un punto di vista sanitario che psico-sociale.

Il Consultorio negli anni si è orientato a dare risposte integrate ai nuovi bisogni emergenti: quelli espressi dalle donne migranti, dalle donne in età post fertile, dalle mamme in attesa, dagli adolescenti, dalle coppie e dalle famiglie in difficoltà. In questi anni, gli operatori del Consultorio Familiare sono passati da una operatività che privilegiava la preparazione dell'evento parto, ad una cultura di servizio che contempla l'idea di un percorso integrato che accompagni alla genitorialità, un cammino che si snoda nel tempo, con una serie di tappe che vanno dal periodo della gravidanza, al parto-evento nascita, al  puerperio e fino al 1° anno di vita del bambino. Dalla scoperta della gravidanza, al primo colloquio con l'ostetrica, il Consultorio si offre  come punto di riferimento della coppia in attesa: sono garantite visite ed ecografie con la stessa ginecologa per tutta la durata della gravidanza, consulenza e sostegno alle donne e/o alle coppie che ne facciano richiesta. Dal 4° mese di gravidanza vengono proposti incontri di stretching e dalla 28°settimana di gestazione partono i corsi di accompagnamento alla nascita costituiti da 7 incontri condotti dall'ostetrica del Consultorio Familiare a cadenza settimanale e 5  incontri di approfondimento in cui si alternano la psicologa, la ginecologa, i pediatri, gli operatori del sindacato, della Medicina del lavoro e le educatrici degli asili nido. Al termine del corso è prevista una visita guidata all'unità operativa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Santa Maria della Scaletta  accompagnati da una ostetrica. Ogni anno circa 1000 donne/coppie partecipano agli incontri.

 
Dopo la nascita del bambino, le ostetriche del Consultorio offrono alle puerpere residenti, qualora ne facciano richiesta, degli interventi domiciliari per facilitare l’avvio dell’allattamento al seno e dell’interazione madre bambino. Gli accessi a domicilio sono oltre 350 ogni anno. Altro servizio offerto alle neomamme e alle neo coppie genitoriali, è il “Pronto, aiuto latte!”, un cellulare attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13, (3397894489) a cui ci si può rivolgere per
consigli su allattamento e/o dubbi e piccoli problemi che possono insorgere nelle prime settimane dopo la nascita del bambino. I dati dimostrano infatti un notevole incremento nel numero di telefonate ricevute, nel primo semestre 2011 le chiamate sono state 325, a fronte delle 553 dei primi sei mesi del 2012.

È attivo inoltre nelle sedi del Consultorio un ambulatorio del puerperio con accesso diretto e gratuito, che garantisce consulenze ostetriche su allattamento, accudimento, controllo crescita del neonato. Gli accessi delle puerpere a questo servizio sono oltre 2500 ogni anno. Nel post parto si organizzano una serie di incontri rivolti ai neogenitori al fine di promuovere le loro risorse personali ed offrire uno spazio dove le neo coppie possano interagire e socializzare con il contributo ed il supporto dei professionisti del Consultorio Familiare.
Tra i progetti di sostegno alla genitorialità, ricordiamo “Donne che aiutano donne”, grazie al quale delle volontarie appositamente formate e supportate dagli operatori del Consultorio fungono da sostengo a puerpere in difficoltà nelle prime fasi della genitorialità.  Il Consultorio familiare rivolge le sue attenzioni a tutte le fasi della vita della donna; da molti anni questo servizio propone incontri periodici dal titolo “Menopausa, un cambiamento naturale” in cui numerose professionalità approfondiscono con le donne presenti, varie sfaccettature (culturali, fisiche, psicologiche) di questa fase della vita.

Lo Spazio giovani, con più di 330 accessi all’anno, è il servizio del Consultorio che si dedica ai ragazzi tra i 14 e i 20 anni.  Psicologhe, Ostetriche e Ginecologhe sono a disposizione dei ragazzi e delle ragazze per tutte le loro esigenze riguardanti la salute del corpo ed il mondo degli affetti e delle emozioni. L’accesso è diretto e gratuito tutti lunedì dalle 14 alle 16 e i mercoledì dalle 14 alle 17. Anche le pagine internet dedicate allo Spazio giovani nel sito aziendale www.ausl.imola.bo.it, sono tra le più visitate, con quasi 46mila pagine visitate ogni anno, e circa 1500 accessi mensili.
Gli operatori dello Spazio Giovani svolgono inoltre incontri e progetti di educazione alla salute nelle scuole del Circondario Imolese, per promuovere stili e comportamenti di vita adeguati e modelli culturali all’insegna di un’etica del rispetto. I ragazzi coinvolti in queste iniziative sono circa 2500 ogni anno.

Lavori di ristrutturazione e costi
I lavori di ristrutturazione dei locali che dal 18 gennaio scorso ospitano questo importante servizio territoriale, sono stati avviati nel luglio 2012 e si sono conclusi a dicembre dello stesso anno. La superficie del servizio è di circa 560 mq, suddivisi in: 4 studi psicologhe; 1 studio ostetriche;  2 palestre; 1 sala incontri;  3 ambulatori ostetrico/ginecologici; 1 sala d’attesa comune; 1 accettazione; 1 ambulatorio per il puerperio.
Il costo dell’intervento (lavori edili, impianti meccanici ed elettrici e sicurezza) è stato di  circa 280.000 €, finanziati da fondi regionali ed aziendali. Gli arredi sono stati in parte donati dalla Ditta Coloplast Spa a seguito di una dismissione (valore complessivo circa 3mila euro).