A Lugo rischia di spegnersi un’altra azienda. In tempi brevi, i  dipendenti della Sirea (una cinquantina adesso, qualche anno fa il numero era più alto) verranno messi in cassa integrazione e per l’azienda inizia una fase che, senza l’arrivo di un cavaliere azzurro, ha una futuro segnato. L’azienda lughese (la sede e lo stabilimento sono per la precisione a Barbiano di Cotignola) ha oltre 50 anni di storia (produce principalmente tubi in PVC per acquedotti e fognature) e per molto tempo era considerata una delle certezze del territorio.

Un posto in questa azienda era considerato una sicurezza e non va nemmeno dimenticata la forte presenza sociale della Sirea che, nel passato, era spesso associata al sostegno di iniziative di varia natura. Possiamo anche ricordare che il titolare, Tullio Bosi, per anni ha rappresentato la Confindustria ravennate nell’area lughese.

Ogni crisi è una storia a sé, ma non è difficile immaginare che le contemporanee difficoltà del settore edilizio e degli appalti pubblici abbiano messo in ginocchio una azienda sana che non ha avuto forse il tempo di riorganizzarsi.

Adesso possiamo soltanto registrare che il bollettino delle gravissime crisi aziendali si è arricchito di un altro nome; la lista dei morti e dei feriti si allunga, facciamo più fatica a vedere la fine di un tunnel che per i dipendenti della Sirea è appena cominciato.

(m.z.)