Imola. Si chiama “Progetto Zer0” ed è una serie web in stile fiction ideata e realizzata dall’associazione culturale Aria, con la collaborazione del Centro giovanile Ca’ Vaina. La produzione della serie prevede un impegno di 45 giorni, tra riprese, montaggio, l’editing audio e gli effetti speciali e tutti gli altri aspetti della post-produzione. Le riprese sono iniziate lo scorso 18 febbraio. Cinque i protagonisti principali della storia, che coadiuvati da personaggi di secondo piano e comparse racconteranno uno spaccato della vita giovanile imolese.

L’associazione Aria ha curato ogni aspetto della produzione, dal processo creativo alla distribuzione della serie, con il supporto del Centro giovanile Ca’ Vaina, che ha fornito sia una consulenza specifica in sede di stesura della sceneggiatura che un supporto tecnico per le apparecchiature professionali utilizzate.

“La regia, la recitazione, lo stare in davanti ad una macchina da presa – ricorda Antonio Pastore dell’associazione Aria – per noi che proveniamo principalmente dal mondo del teatro, ci ha dato nuovi stimoli e ha permesso di trasportare parte delle nostre conoscenze dal palco al video. Vogliamo ringraziare pubblicamente Ca’ Vaina, che con i suoi professionisti ci ha fornito il supporto didattico e tecnico. Grazie a questo supporto la nostra ambizione è quella di realizzare un’opera che ambisca, come qualità, a superare il livello amatoriale”.

“La messa in onda e la distribuzione – ricorda Giangiacomo De Stefano, esperto in audiovisivi e crossmedia di Ca’ Vaina – avverranno sfruttando i nuovi media, in quanto la rete oggi sta rivoluzionando anche il modo di fare cinema e tv. Questa produzione per noi è solo un primo passo per rilanciare sul Circondario imolese la realizzazione di produzioni audiovisive giovanili. Sono già tanti i ragazzi che si sono rivolti negli ultimi mesi a Ca’ Vaina per proporre collaborazioni e progetti innovativi e a breve prenderanno il via altre produzioni”.