“Mi è sempre stato insegnato che lo straordinario risiede nel cammino delle persone comuni. Ed è proprio in una realtà comune di un ragazzo di provincia mai plasmatosi del tutto alle forme imposte dalla società, dall'esigenza di fare qualcosa di straordinario per lui e per le persone come lui, dal voler dire al mondo che non esistono barriere se non nella mente, che nasce l'idea di Free Wheels”. Parole di Pietro Scidurlo, ideatore e fondatore di Free Wheels.

L'associazione verrà presentata domenica 3 marzo, alle ore 16, nella sala Giovanni Paolo II (via Marconi) a Somma Lombardo. Parteciperà il Coro divertimento locale.

Pietro, un ragazzo diversamente abile in carrozzina dalla nascita, ha sempre vissuto la vita senza mai arrendersi agli ostacoli, imparando a uscire dalle difficoltà con i pochi mezzi che la società gli forniva e con una delle doti che i suoi genitori gli hanno insegnato: il coraggio. Pietro, spesso sottoposto ad interventi chirurgici, che talvolta gli hanno fatto perdere contatto con la realtà, ha sempre vissuto guardando avanti lungo la strada dei suoi sogni, fino a raggiungerli.
Oggi Pietro ha una vita “normale”: vive da solo, lavora, guida ed esce con gli amici. Ma la vita è una continua sfida. E Pietro vuole dimostrare al mondo, ed anche a se stesso, che non c'è nulla che un diversamente abile non può fare se solo messo nelle condizioni di poterlo fare. Per questo, e per le forti motivazioni personali, sceglie di compiere il Cammino di Santiago, patrimonio culturale Europeo. E sceglie di farlo affrontando i Pirenei con la sua Handbike.

Così nel luglio 2012, alla vigilia della partenza, nasce freewheels.it. Lungo il Cammino si rende conto di quanti ostacoli per le persone con difficoltà motorie sono ancora presenti in un percorso tanto famoso a livello mondiale e matura così l'idea di far qualcosa per aiutare chi come lui ha voglia mettersi alla prova. Oggi sul Cammino di Santiago, un domani nel mondo.

Al suo rientro, smaltita la fatica e raccolte le idee, fonda l'associazione Free Wheels e si propone di dire a tutti che lui non è un super eroe che ha fatto una grande impresa. Lui è un ragazzo come tanti che ha fatto un pellegrinaggio con una forte determinazione che gli ha permesso di conquistare suoi sogni… e con la voglia di cambiare il mondo… o almeno una parte.

La Free Wheels nasce come associazione non lucrativa di utilità sociale. Uno degli scopi primari è quello di aiutare le persone con disabilità ad affrontare pellegrinaggi in tutto il mondo, suggerendo percorsi accessibili o alternativi. L'associazione si propone inoltre di incentivare lo sviluppo dell'indipendenza fisica e sociale di ragazzi disabili sostenendoli sia moralmente che psicologicamente. Free Wheels aiuta e forma genitori, operatori sociali, insegnanti e chiunque abbia a che fare con persone con disabilità.
Al momento opera su molti fronti. Intende promuovere nelle scuole, attraverso l'esperienza diretta di Pietro Scidurlo la sensibilizzazione verso quelli che sono i principi dominanti nella sua vita: solidarietà e condivisione.