Forlì. Tutto pronto per la terza edizione di “Dona l’acqua”, iniziativa che si svolge in occasione della “Giornata mondiale dell’acqua” che si celebra venerdì 22 marzo, data scelta dalle Nazioni Unite nel 1992, con lo scopo di sensibilizzare l'attenzione del pubblico sulla critica questione dell'acqua nella nostra era, con un particolare occhio di riguardo all’accesso all’acqua dolce e all’acqua potabile.
“Dona l’acqua” è una iniziativa che i supermercati delle insegne A&O e Famila della Romagna e delle province di Pesaro-Urbino e Ancona organizzano ogni anno per raccogliere i fondi destinati alla realizzazione di pozzi e di altre importanti opere idriche nel Tigray: in una delle regioni più povere e disagiate della lontana Etiopia.

Nel mondo, oggi, 1 miliardo di persone non ha accesso all’acqua potabile e, di queste, 400 milioni sono bambini. Nell'Africa sub-sahariana il 43% dei bambini fanno consumo d'acqua che, oltre ad essere poca e lontana dai villaggi installati sul territorio, è, assai spesso, inquinata, per la mancanza di qualsiasi controllo. Il tema è di grande attualità, specialmente in questo 2013, che è anche l’Anno internazionale della cooperazione per l’acqua delle Nazioni Unite.

Alla Fondazione Butterfly onlus, con sede a Bertinoro (FC), verranno affidati i contributi raccolti alle casse dei supermercati, dove i clienti potranno compiere il loro “gesto d’amore”, aggiungendo solo 2 euro alle loro spese, effettuate dal 21 al 31 marzo, per donare acqua potabile a chi la berrà, forse, per la prima volta. Per ogni contributo di 2 euro, i clienti dei supermercati riceveranno una Carta dono, come tangibile segno di ringraziamento.
I contributi dei clienti A&O e Famila saranno poi integrati da Arca SpA, di Longiano, che gestisce gli oltre 100 punti vendita che parteciperanno all’iniziativa.
Con i contributi raccolti nei due anni precedenti, sono già circa 8.000 gli abitanti del Tigray (compresi gli allievi di una grande scuola e i malati di un vicino ospedale) che possono disporre di acqua potabile, grazie alle opere già realizzate dalla Fondazione Butterfly Onlus (www.butterflyonlus.org), che si occupa anche della formazione dei tecnici che cureranno la manutenzione degli impianti, per assicurarne il corretto e continuo funzionamento, per l’alimentazione e l’igiene dell’uomo e per l’irrigazione dei campi, consentendo così un’agricoltura più abbondante e più sana.
All’evento ha dato la sua prestigiosa adesione Fabio Scozzoli, il nuotatore campione del mondo sui 100 metri rana, che ha accettato con entusiasmo di diventarne testimonial, sicuro che la “gente del territorio”, come lui, saprà confermare la sua grande generosità.