Imola. E' sarcastica e al tempo stesso dura la replica del Movimento 5 stelle al segretario del Pd Fabrizio Castellari che aveva dichiato “da una parte c'è un “progetto” di governo che sostiene Manca, mentre nell'altra metà campo ci sono in “ordine sparso”, sei-sette candidature a sindaco contro: “contro tutto e tutti, anche un po' contro la città”.

“Riguardo “all'ordine sparso” ci piace ricordare che la squadra che appoggerà il sindaco Daniele Manca al momento pare composta – scrivono i grillini – dal Pc (1), da Rifondazione Comunista (2), dai Verdi (3), dai Comunisti italiani (4), dai Socialisti (5), dalla lista civica Cambiamo Imola (6), dall'IDV (7), dall'UDC (8), e per ultimo può darsi persino da Sel, ma solo dal simbolo poichè il segretario imolese Francesco Chiaiese colpevole di troppa coerenza per non voler sostenere l'amministrazione uscente è in predicato di essere inibito dall'uso del marchio di fabbrica da parte dei vertici del suo partito”.

“Sull'affermazione che quelli contro il Pd sono “contro tutto e tutti, anche un po' contro la città” – concludono i pentastellisti – ipotizzando che chi non vota Partito Democratico è contro la democrazia, vogliamo ricordare al segretario Castellari che seguendo il suo brillante ragionamento allora chi non vota Pdl è contro la libertà e chi non vota Movimento 5 Stelle è contro gli albergatori e allo stesso tempo ostile perfino alla Via Lattea”.