In linea generale si registra un incremento del numero degli studenti, che da 1455 arrivano a 1663. 1478 ragazzi e ragazze hanno scelto gli istituti del nuovo circondario imolese, mentre 185 sono emigrati verso istituti superiori della provincia di Bologna e verso istituti della provincia di Ravenna e di Forlì- Cesena.

L’aumento maggiore si rileva nell’area liceale con +18.60%, ma gli studenti continuano a preferire l’area tecnica (35, 05%) seguita da quella professionale (33, 90%), mentre gli iscritti al liceo raggiungono solo il 31, 05%. Sull’area professionale ha inciso l’incremento delle iscrizioni registrate dall’ istituto alberghiero Scappi di Castel San Pietro Terme, con 91 iscritti in più rispetto all’anno precedente.

Si conferma dunque il trend che vede le scuole imolesi polo di attrazione. Non solo la scuola ma anche il territorio e tutti gli attori sociali devono quindi impegnarsi per mantenere un elevato livello di qualità.

 

“Per far crescere la comunità del futuro con un adeguato corredo di competenze occorre un impegno costante su tutti i fronti. Anche quest’anno, nell’ambito delle iniziative promosse per l’orientamento scolastico dei giovani, la Scuola , il Cisst (centro integrato servizi scuola e territorio), Legacoop e Unindustria hanno operato insieme per fornire ai ragazzi e alle famiglie strumenti per una scelta consapevole e già si sta lavorando per offrire per il prossimo anno una proposta di più elevata qualità” spiega l’assessore alla pubblica istruzione Vanna Verzelli.

(Giulia Gianstefani)