Imola. E’ morto Paolo Liverani, segretario generale della Uil di Imola. “Paolo Liverani lascia un vuoto in tutti noi perchè con lui se ne va un pezzo di storia del sindacato imolese – afferma Elisabetta Marchetti, segretaria generale Cgil Imola -. La sua è stata una vita dedicata al sindacato all'insegna della serietà e dell'umanità alle quali però non faceva mai mancare la sua sottile ironia. Esprimiamo tutto il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla moglie e alla figlia”.
Liverani aveva 70 anni e abitava a Mordano, dove lascia la moglie Ersilia e la figlia Lara. Poco tempo gli era stato diagnosticata una malattia incurabile che non gli ha lasciato scampo.

“Partecipo al lutto della famiglia e della Uil imolese per la scomparsa di Paolo Liverani – ha affermato il sindaco di Imola Daniele Manca -, sindacalista attento e capace, sempre in prima linea nella difesa dei diritti dei lavoratori e concreto nella ricerca di soluzioni nelle situazioni di crisi”.
“Appreso della scomparsa del carissimo Paolo Liverani, esprimiamo le più sentite condoglianze alla famiglia e all'organizzazione sindacale che guidava in maniera esemplare”, aggiunge Giorgio Laghi, candidato sindaco Imola migliore – Liberi a sinistra.
“Sono profondamente commosso dalla prematura scomparsa di Paolo Liverani, un amico e compagno che ha speso molti anni della sua vita a difendere il lavoro e i diritti dei lavoratori. In questo lungo e difficile momento di crisi economica e sociale, ne ricordo l’impegno a capo della UIL territoriale, portato avanti con equilibrio e determinazione, sempre proteso a ricercare ogni possibile soluzione capace di salvaguardare i punti produttivi duramente colpiti dalla crisi e i livelli occupazionali” ci comunica l'onorevole Daniele Montroni.
Si unisce al cordoglio il candidato sindaco della lista civica “Per Imola” Giuseppe Palazzolo:  “Ho appreso con dolore la notizia della scomparsa dell’amico Paolo Liverani, strenuo difensore dei lavoratori imolesi grazie al suo fattivo impegno in qualità di Segretario della Camera Sindacale UIL del Comprensorio Imolese. Il cordoglio di tutta Imola ci trova uniti quale forza civica della nostra città nel riconoscere la difesa delle nostre aziende e dei posti di lavoro, l’attenzione ai pensionati e la ricerca della salvaguardia delle nostre strutture sanitarie da lui messo in atto a dimostrazione di quanto ha amato Imola e i suoi concittadini. Porgo alla famiglia, a nome personale e di quanti sono vicini alla Lista Civica Per Imola le più sincere e sentite condoglianze”.