Imola. “Dato che ieri sera nel comizio Pd del sindaco di Firenze Matteo Renz in appoggio al suo collega Daniele Manca, l'argomento  Movimento 5 Stelle ha occupato metà del tempo a disposizione degli oratori alternatisi sul palco, con la presente li ringraziamo per la visibilità concessaci ma al contempo li avvertiamo di non aspettarsi in cambio nè contributi in natura nè in denaro”. E' l'ironico comunicato di chiusura della campagna elettorale del M5s Imola.

“Per quanto riguarda la sorpresa del primo cittadino fiorentino nell'essere chiamato a Imola in quella che fino a ieri era una terra di bersaniani di ferro, vogliamo informarlo che basta osservare l'eterogeneità delle liste che appoggiano l'attuale maggioranza per scoprire che il suo stupore è assolutamente infondato. A rottamare qui abbiamo qualche problema, ma nel riciclaggio specialmente di sederi e di poltrone non ci batte nessuno – continuano i pentastellisti -. Al sindaco ricordiamo invece che se volesse impedire a un comico di “speculare sul disagio e le macerie di questo paese” prima di ripetere per venti volte che bisogna ricostruire, sarebbe utile che finalmente si domandasse chi è che ha creato questo disagio e queste macerie e poi magari riusciscisse a darsi anche una risposta. Al segretario territoriale del Pd che sostiene encomiabilmente che il Movimento 5 stelle non ha proposte non diciamo nulla visto che il nostro programma probabilmente lo conosce meglio lui di noi. Anzi no, una cosa vogliamo suggerirgliela dato che l'abbiamo sentita con le nostre orecchie: quando si vuol commemorare Giovanni Falcone sarebbe opportuno non chiamarlo Giuseppe”.