Imola.  Affluenza a picco al secondo rilevamento delle ore 19. Fino ad ora hanno votato solamente il 36,93% degli aventi diritto (20131 elettori), ben il 22% in meno rispetto al voto amministrativo del 2008 (58,71%). Ben peggiore il confronto con il voto politico del 2013 quando alla stessa ora avevano votato il 63,04%.

Un drammatico segnale di disaffezione al voto che non potrà che preoccupare chiunque uscirà vincente dalle urne. Soprattutto se si tiene conto che il dato imolese è sempre stato migliore rispetto al trend nazionale, mentre questa volta la media nazionale segna un – 11% rispetto allo scorso voto amministrativo. Per fare un confronto a Roma hanno votato il 13,77% in meno del 2008. A Imola siamo al 22%. Forse c’è qualche margine di recupero nelle prossime ore e nella giornata di domani, ma se, invece, il trend di calo continuerà ci sarà da fare i conti con  un nuovo soggetto politico: coloro che hanno rifiutato di infilare la scheda nelle urne.