Meldola (FC). Un grande labirinto come elemento terapeutico. E’ questo l’elemento che caratterizza i lavori di riqualificazione del giardino dell’Irst (Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori), su progetto di Roberto Bacchilega e Giulia Mazzali dello studio imolese Kepos, una realtà che raggruppa architetti paesaggisti, agronomi, tecnici e giardinieri specializzati.
“Il Giardino, il Paesaggio e l’Ambiente sono i nostri ambiti di lavoro, ricerca e sperimentazione, dove operiamo a tutto campo con studi, analisi, progetti, realizzazioni, manutenzioni e prodotti, alla costante ricerca della qualità, della soddisfazione dei nostri clienti e di valori da condividere insieme – spiega Roberto Bacchilega -. Interveniamo su quello che crediamo essere il nostro bene più prezioso, la Terra in cui viviamo, con soluzioni ecosostenibili per migliorare la qualità della vita delle persone e favorire la valorizzazione e la conservazione delle risorse naturali e culturali”.

 E’ così nata l’idea del labirinto come elemento terapeutico: “Questo progetto rappresenta molto per Kepos perché è uno dei sempre più frequenti esempi italiani di ‘healing garden’, termine anglosassone che in italiano può essere tradotto con ‘giardino terapeutico’. Grazie al convinto  e decisivo sostegno della direzione dell’Irst e alla grande disponibilità degli sponsor, sarà possibile, per pazienti, visitatori, parenti, personale sanitario e tecnico, usufruire di un giardino  ripensato al fine di favorire il contatto con la natura e la sua simbologia, per trovare momenti di relax, allentare lo stress e dare sollievo alla mente e al corpo. Infatti, è noto ormai da diverso tempo che avere la possibilità di frequentare, o anche solo vedere, uno spazio verde curato e armonioso, dona pace e serenità: componenti fondamentali per la nostra salute”.

Accanto ad alberi, arbusti, fiori, colori e profumi, il giardino contiene un ulteriore elemento “benefico”: un “labirinto unicursale”, che aggiunge la possibilità di una fruizione attiva del giardino. Camminare nel labirinto immersi nel verde, amplifica gli effetti positivi e rigeneranti del contatto con la natura e aiuta a riportare l’attenzione al centro di se stessi per recuperare le risorse necessarie alle sfide quotidiane. “Questa esperienza ci stimola ancora di più a credere nella nostra filosofia: quella di diffondere il benessere, migliorando la qualità della vita per chiunque e ovunque sia possibile”.

 Per informazioni: kepos@keposweb.comwww.keposweb.com