Castel San Pietro Terme (Bo). Dopo Imola, anche il consiglio comunale di Castel San Pietro Terme, nella seduta dell’1 agosto, vota l’adozione del Psc (Piano strutturale comunale), documento che sostituisce i precedenti Piani regolatori e sul quale si baserà tutta la pianificazione territoriale futura del nostro territorio. Il Psc, che è stato adottato con il voto unanime del Partito democratico e l'astensione dei due gruppi di minoranza, verrà pubblicato sul Bur (Bollettino ufficiale della Regione Emilia Romagna) a fine agosto e ci saranno 60 giorni di tempo per le osservazioni.
“Uno strumento come il Psc – spiega il sindaco Sara Brunori – incide su tutti gli aspetti di una comunità, dagli stili di vita al lavoro, dallo sviluppo economico all’ambiente. Le nostre linee guida, fin dalle prime elaborazioni, sono state la modernizzazione dei servizi e il rilancio economico e occupazionale del territorio. Abbiamo lavorato con la consapevolezza della realtà che stiamo vivendo e abbiamo conservato l’identità di Castel San Pietro Terme. Una crescita responsabile e compatibile con l'equilibrio delle dotazioni dei servizi”.