Imola. “In sfregio al nome di Partito democratico, finora c'è stato molto poco di democratico nel percorso congressuale a livello circondarile. Lunedì 7 ottobre si terrà una direzione e non sono ancora pronti i moduli per raccogliere le firme a favore di una o l'altra candidatura alla segreteria del partito di viale Zappi. Per ora posso solamente dire che, seppur diversi, i nomi di Marco Raccagna, Roberto Visani, Roberto Poli e Pierpaolo Mega non entusiasmano noi civatiani”. Così il coordinatore di Imola per Civati Pietro Tonelli che ribadisce  il ragionamento: “La nostra comunità, anche fuori dalla base degli iscritti, deve percepire il coraggio, la credibilità  e la voglia di scrivere una pagina nuova. Troppe volte, anche nel recente passato, abbiamo rinunciato a questa voglia di volare alto”.

“Nel frattempo – continua Tonelli – abbiamo lavorato e ci siamo interrogati, più che sul nome di un candidato da proporre su come vogliamo a livello locale riformare  il nostro partito renderlo più attrattivo, rappresentativo, democratico, curioso e con forte capacita' progettuale. Il documento e' quasi pronto, dovremmo riuscire a presentarlo in direzione lunedì sera. Speriamo che il futuro segretario possa essere in linea con le nostre istanze”.