Imola. Continua la crisi alla Coop Ceramica. Per tutti gli stabilimenti, ad eccezione di quello di Casalfiumanese, ci sarà la chiusura l'8 dicembre ma non è stata fissata una data di riapertura che comunque è prevista ben dopo le vacanze natalizie. Intanto, fra pochi giorni, mercoledì 13 novembre, si terrà in Regione l'incontro per la proroga della cassa integrazione in deroga per tutti gli stabilimenti ad esclusione di quello di Casalfiumanese, che terminerà il contratto di solidarietà il 31 dicembre. Nel frattempo, sollecitata dalle organizzazioni sindacali di categoria, l'azienda ha comunicato non solo le date di chiusura di fine anno (il 16 novembre per Casalfiumanese e l'8 dicembre per gli altri stabilimenti), ma anche la riapertura dello stabilimento di Casalfiumanese il 7 gennaio.

“E' assolutamente indispensabile che l'azienda presenti quanto prima il piano industriale – afferma Katia Regelli, segretaria generale della Filctem-Cgil – così da delineare il percorso che intende mettere in atto nei prossimi anni, rispetto agli assetti produttivi di tutto il gruppo. A partire dal 1° gennaio tutti i dipendenti saranno scoperti dagli ammortizzatori sociali ed è anche per questo motivo che giovedì 14 novembre sciopereremo, per chiedere al Governo di rifinanziare la cassa integrazione in deroga». I lavoratori delle ceramiche sciopereranno per l'intera giornata, avendo aderito anche alla mobilitazione indetta dalla segreteria nazionale di categoria per il rinnovo del contratto nazionale delle piastrelle, scaduto lo scorso 30 giugno.