Imola. Un progetto di contrasto al disagio sociale presente nel quartiere Marconi mettendo in rete alcune associazioni con il sostegno dell'amministrazione comunale. “L'idea è partita dalla parrocchia del Carmine – spiega il vicesindaco Roberto Visani – visto che nel quartiere i ragazzi a volte danno luogo a piccoli episodi di vandalismo forse dovuti anche al fatto che ci sono poche strutture ricreative in un ambiente caratterizzato da tanti grandi palazzoni. Dunque, nascerà nella Casa del fanciullo un Centro giovanile decentrato con due educatori, uno dell'Asp (mandato dal consorzio Il Solco) e uno della Caritas per svolgere attività interessanti che possano giovare ai giovani. L'idea è anche quella di animare il parco di via Cenni. Infine, polizia e carabinieri si sono resi disponibili per dare un supporto educativo nelle scuole della zona”.

(m.m.)