Imola. Una finestra aperta sul territorio, sulle sue potenzialità e sulle opportunità che si possono aprire attraverso un coinvolgimento di tutta la comunità. Di questo e altro si parlerà a “Startup e Territorio. Creare valore per il Paese e per la Comunità”, il convegno organizzato dal Centro studi “Luigi Einaudi” giovedì 5 dicembre, ore 17, nel salone di Palazzo Sersanti in piazza Matteotti 8 a Imola. L’evento, realizzato in collaborazione con Italia StartUp, vede il patrocinio del Comune di Imola e il contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Imola.
 
Startup. Dietro questo termine molto americano c'è un mondo tutto nuovo. È una delle strade, una grande opportunità per rilanciare il lavoro, l'occupazione e fare innovazione. È un approccio culturale che va alimentato, insegnato, spiegato, diffuso, supportato e utilizzato per contribuire a rilanciare il “sistema Paese” in generale e le Comunità locali in particolare. Quando si parla si Startup si tende a pensare unicamente al settore High-Tech, all'informatica, alle imprese che lavorano in internet. Non è così in realtà o meglio l'informatica è ormai pervasiva in ogni attività che intraprendiamo e la rete ci permette di oltrepassare i confini fisici del territorio in cui nasce l'impresa, la Startup. Quindi  la tecnologia è una componente ormai irrinunciabile per “fare impresa”. Ma le Startup possono originarsi dai settori più diversi e a volte mai considerati.

Il programma
17-17.30: registrazione
17.30-17.40: Pierangelo Raffini – socio di Italia StartUp e membro del Centro studi Luigi Einaudi
17.40-18.00: Daniele Manca, sindaco di Imola
18.00-18.20: Alberto Tonielli – presidente dell'incubatore Innovami
 18.20-18.50: Federico Barilli – segretario di Italia StartUp
18.50-19.20: Luigi Orsi Carbone – consigliere di Italia StartUp e fondatore di Skebby
19.20-19.35: Fabio Poli – Antreem Startup imolese (Testimonianza di un “give-back” sul territorio)
19.35-19.45: Domande dei giornalisti e del pubblico

A tutti i partecipanti verrà dato in omaggio il documento di ricerca “who is who” dell’ecosistema italiano delle Startup, il progetto sviluppato con gli Osservatori del Politecnico di Milano, in collaborazione con Smau e con il supporto istituzionale del ministero dello Sviluppo economico, che ha permesso di fotografare il contesto dell’innovazione italiana e i suoi tanti protagonisti.
Al termine verrà offerto un aperitivo.

ITALIA STARTUP
Associazione che riunisce tutti coloro che credono profondamente nel rilancio del Paese. Italia Startup è formata da imprenditori, investitori, industriali, startupper, enti e aziende che hanno deciso di dare il proprio contributo al processo di cambiamento economico e sociale che l’Italia sta affrontando. Fondata nel 2012, l’Associazione è una piattaforma indipendente e collettiva dove raccogliere i pensieri, i progetti e le strategie per dare vita anche nel Paese a un ecosistema imprenditoriale competitivo, capace di accogliere e alimentare l’innovazione. L’Associazione sviluppa dei progetti concreti che mirano a sostenere e coinvolgere chi sta facendo impresa in Italia.
Italia Startup ha infatti riunito per la prima volta imprenditori, startupper, innovatori, esperti di digitale con i decisori del Governo, per ascoltare l’ecosistema e valutare decisioni politiche a favore dell'ecosistema imprenditoriale. Ha fornito indicazioni per il decreto del Fare 2.0 e si rapporta anche attualmente con il Governo per tutti i temi legati all'innovazione dell'Agenda Digitale.

CENTRO STUDI “LUIGI EINAUDI”
Nasce diversi anni fa con lo scopo di promuovere il pensiero liberale dello statista e Presidente della Repubblica a cui é intestato, oggi quanto mai attuale. Struttura totalmente “No Profit” si è dedicata a diverse iniziative e commissionato studi di settore. Negli ultimi anni si é focalizzato sull'organizzazione di eventi dedicati a temi attuali riguardanti la società, l'economia e il lavoro.