Ci chiamiamo Giada e Chiara, siamo due Giovani democratiche di Massa Lombarda, e in queste brevi righe vi vogliamo raccontare perché in queste elezioni primarie per il segretario voteremo, senza dubbio, Matteo Renzi.

Prima, però, ci farebbe molto piacere spendere due parole sul gruppo dei Giovani democratici che abbiamo fondato lo scorso Marzo per avvicinare i giovani alla politica. Non ci dispiacerebbe affatto che il nostro gruppo venisse valorizzato di più, sia a livello locale che a livello nazionale, perché i giovani sono la speranza per un futuro migliore e sono la base del progresso che serve all’Italia. Nonostante questo, a malincuore, noi sappiamo che i giovani d’oggi sono disinteressati, sono impauriti, sono prevenuti nei confronti dei partiti, e che quindi hanno bisogno di un aiuto concreto per appassionarsi/approcciarsi alla politica, perché la politica è una cosa bella in cui credere, la politica è speranza, la politica è entusiasmo!

Per riallaciarci all'obiettivo di queste righe, noi crediamo che Matteo sia l'unico in grado di riavvicinare i giovani alla politica. Ma anche l'unico capace di ridare credibilità/dignità alla politica italiana, sia agli occhi dei cittadini italiani sia a quelli stranieri. L'Italia è un paese rassegnato e per questo ha bisogno di ritrovare la speranza, ma per farlo ha bisogno di parole concrete non di parole sparate per aria.

Noi siamo pronte a sostenere  Matteo Renzi per dargli la possibilità di attuare quelle misure concrete di cui l'Italia ha bisogno e di cui lui parla, come l'abolizione del finanziamento ai partiti, il dimezzamento dei parlamentari e del loro stipendio, il lavoro da creare, l'introduzione del monocameralismo e una nuova legge elettorale. Come diceva A.Lincoln ” una volta deciso che la cosa può e deve essere fatta, bisogna solo trovare il modo”; Matteo ha un modo, il modo migliore in queste momento, secondo noi. Non diciamo che farà tutto ciò che ha promesso ma che si merita una possibilità, non i bastoni fra le ruote, e in questo il Pd si deve impegnare. Chiunque vincerà le primarie avrà bisogno del sostegno di tutto il partito, per finalmente dettare noi l'agenda al governo, senza dimenticare che Berlusconi è decaduto, non è finito. La nuova dirigenza del partito dovrà essere in grado di restituire i valori fondamentali della sinistra italiana, dovrà essere in grado di riconquistare il voto degli operai, ma anche dei piccoli-medi imprenditori che creano lavoro, ma soprattutto non dovrà più essere un partito arroccato su sé stesso.

Per questi motivi e molti altri siamo fiere di sostenere Matteo Renzi. Sperando di costruire un'Italia alla portata dei nostri sogni vi invitiamo infine ad andare a votare l'8 Dicembre per cancellare quell'immagine di Stato corrotto che anche in un demenziale cartone americano ci viene attribuita.

(Giada Melis e Chiara Maretti)