Imola. Tre pilastri sui quali poggiarsi per “vedere” l'inizio della ripresa nell'anno che verrà: il primo sono le coop che sanno stare nel mondo come quelle che agiscono sulla meccatronica ma anche quelle delle costruzioni che stanno trasformandosi per attrezzarsi a superare la crisi del settore, il secondo l'agricoltura che vede l'istituto Scarabelli aumentare di iscritti perché alla fine del percorso scolastico gli studenti trovano un impiego, il terzo “Imola Lavora” basandosi su un nuovo accordo fra le banche e le associazioni economiche e facendo partire un sistema di formazione che verta su professionalità cercate dalle aziende. Il sindaco Daniele Manca, dopo un anno che lo ha portato a “un successo importante alle elezioni amministrative vinte al primo turno con un laboratorio politico di valenza nazionale”, è convinto che “a Imola ci sia un sistema di tenuta sociale più forte che altrove”. Naturalmente, avverte il sindaco, “i cambiamenti dettati dalla crisi saranno lenti, ci vorranno anni soprattutto per avere un aumento dell'occupazione, ma intanto si noterà l'incremento dei fatturati di alcune imprese”. Un'iniezione di ottimismo, chissà se ben riposta, prima del tradizionale brindisi di fine anno con la stampa.

Ed ecco l'agenda dei buoni propositi per il 2014. Secondo Manca “bisogna lavorare per un welfare che sappia affrontare le nuove povertà grazie alla sussidiarietà e alla collaborazione con il mondo del volontariato, in parte già in atto, e al contributo della Fondazione Carimola molto attenta al settore della solidarietà. Intanto ci sarà l'inaugurazione della nuova piscina in zona Ortignola entro la fine del 2014, dovremo riformare i Forum trasformandoli in un modello più efficace simile a quello dei Rab (come per la centrale di cogenerazione di Hera) per arrivare a elezioni più o meno entro i primi sei mesi del 2014. Vorremmo cominciare la riqualificazione del cimitero del Piratello dalla parte storica per la quale servono circa 10 milioni di euro e dai muri che si vedono da via Montecatone trasferendo questa funzione alla società BeniComuni e, infine, lavorare sul fronte della sicurezza dove è vietato abbassare la guardia. Il bando per il nuovo comandante dei polizia municipale è già stato emesso, cercheremo di assumere due agenti in più e di potenziare ImolAttiva oltre a prevedere nuove telecamere per la videosorveglianza”.

In un futuro più lontano, per il sindaco “bisogna assolutamente riqualificare la zona della stazione ferroviaria trovando spazi adeguati per le biciclette oggi lasciate incustodite e in disordine nei giardinetti. Area Blu sta elaborando un progetto. Stiamo parlando di un'area dove si potrebbero recuperare capannoni ormai lasciati vuoti dalla Coop Ceramica, spostare la stazione degli autobus e tentare di “cucire” percorsi urbanistici con particolare riguardo allle piste ciclopedonali. Naturalmente, in tal caso, il percorso per arrivare a una ristrutturazione totale del luogo è ancora lungo ma stiamo già cominciando a pensarci”.

(Massimo Mongardi)