Imola. La Fondazione Cassa di Risparmio gode di buona salute. Nel 2013 ha erogato 3 milioni e 635mila euro rispetto ai 3 milioni e 503mila del 2012 con l'obiettivo per il 2014 di arrivare circa a 3 milioni e 850mila. Ossigeno fondamentale per tenere in vita tante attività di un territorio come quello imolese, allargato ai Comuni adiacenti rimagnoli, che sta risentendo pesantemente della crisi economica. “In città, accanto a sacche di povertà vecchia – sottolinea il presidente della Fondazione Carimola Sergio Santi – sono nati sacconi di povertà nuova. Al Comune abbiamo dato 350mila euro per il sostegno alle categorie deboli e alle famiglie che altrimenti non avrebbero potuto permettersi alcuni servizi scolastici (il settore dove ci sono i maggiori investimenti con il 26% del totale) o l'assistenza per gli anziani. Siamo anche particolarmente orgogliosi per gli 80mila euro destinati alla Caritas che sta lavorando davvero bene organizzando corsi per l'agricoltura, per le badanti e altri ancora. Inoltre, aiutiamo la Curia e le parrocchie, queste ultime importanti per tenere i ragazzi in luoghi di aggregazione sani senza che diventino sbandati”.

Con un patrimonio di 230-240 milioni di euro, la Fondazione si trova in una situazione di relativa tranquillità e coltiva buoni rapporti sia con l'amministrazione comunale di Imola sia con altre Fondazioni emiliano-romagnole, in particolare quelle di Bologna e Ferrara. “Resta aperto un dialogo proficuo pure con la Fondazione di Forlì – continua Santi – e in particolare con il presidente e amico Roberto Pinza. Mi pare che anche loro ora stiano indirizzando le loro erogazioni, come facciamo noi, verso il settore del sociale magari rinunciando a qualche grande mostra o proponendola a cadenza biennale.

Un altro tema che sta molto a cuore a Santi, ex giocatore di basket, è quello dello sport. “Siamo convinti che la piscina olimpica possa essere coperta d'inverno con un “pallone” moderno e adeguato e per tale motivo abbiamo già dato risorse importanti (300mila euro) considerando la piscina un punto di eccellenza con circa quattromila utenti e la possibilità di far venire campioni del calibro di Rosolino e altri per insegnare ai i più giovani, Nel 2014 destineremo altri 150mila euro per la copertura sperando che si superi una situazione che per ora è solamente di empasse tecnico che va superato”.

(Massimo Mongardi)